6 dicembre 2016

Regione Lazio – Edilizia agevolata, via libera al piano di finanziamenti per duemila alloggi

 

Dopo oltre undici anni si sblocca il piano regionale di finanziamenti per la realizzazione di circa 2mila alloggi di edilizia agevolata a Roma. Arriva infatti l’approvazione definitiva, da parte della giunta regionale del Lazio, della delibera relativa al bando n. 355 del 2004 per l’edilizia sociale, che permetterà di erogare a imprese e cooperative edili i contributi per costruire case da destinare ad affitto calmierato con patto di riscatto. Il provvedimento varato dalla Regione prevede, a valere sul prossimo triennio, lo stanziamento di 56 milioni di contributi per l’attuazione dei programmi di social housing all’interno del Comune di Roma. I fondi saranno ripartiti in quote differenti anno per anno: 6 milioni per il 2015, 20 milioni per l’anno successivo e 30 milioni per il 2017. L’esecutività della delibera scatterà con la pubblicazione sul Bollettino regionale.

“Abbiamo dato il via libera ad un programma bloccato da oltre undici anni – ha dichiarato il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – con un atto che consentirà a imprese e cooperative di realizzare circa duemila alloggi su aree pubbliche, per l’affitto e per l’acquisto a prezzi stabiliti. La Regione ha dunque adeguato il vecchio bando alla situazione attuale, sia dal punto di vista normativo che finanziario, permettendo così di avviare i progetti con reale copertura finanziaria. Ora spetta al Campidoglio la consegna delle aree individuate”.

“La centralità di questa delibera – ha dichiarato l’assessore regionale alle Politiche abitative, Fabio Refrigeri – consiste nello sbloccare i piani di zona individuati da Roma Capitale, nell’ambito dei quali saranno localizzati gli alloggi destinati all’housing sociale. I finanziamenti stanziati, in particolare, si riferiscono ai primi 12 piani di zona (su 32 totali) già in fase attuativa, e copriranno la realizzazione di circa duemila alloggi. Si tratta, in linea di massima, di aree a cavallo del Grande Raccordo Anulare”.

La cifra messa a disposizione dalla delibera rappresenta una prima tranche di complessivi 112 milioni di euro, accantonati dalla Regione per il bando 355/2004, la cui parte restante (altri 56 milioni) sarà progressivamente sbloccata nei prossimi anni. Una volta assegnati tutti i fondi, il totale degli alloggi di edilizia sociale realizzabili sul territorio romano ammonterà a 5mila unità.

“Questo via libera al piano per l’edilizia agevolata – ha concluso Refrigeri – è un passo importante, che si inserisce, peraltro, in un programma più ampio di interventi a favore dell’housing sociale, come dimostra anche il recente accordo tra Regione e Cassa Depositi e Prestiti Sgr per l’accesso al fondo investimenti per l’abitare. Nel caso di affitto, sarà previsto un canone di circa 5 euro a metro quadro, con un contributo per le imprese di 35mila euro ad alloggio. Inoltre, abbiamo determinato che gli alloggi vengano concessi ad affitti calmierati di 7 o 25 anni, con possibilità di riscatto da parte degli inquilini”.

About Samantha Lombardi 4017 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it