2 dicembre 2016

Albano – Sicurezza, Carabella: “La gente ha paura, cosa aspetta l’ amministrazione ad intervenire?”

Sempre più cittadini sui social e per la strada manifestano paura nei confronti dell’ubriaco che ormai da mesi staziona a parco della Rimembranza, più volte sono stati segnalati episodi di violenza da parte di questa persona nei confronti dei passanti, soprattutto donne nei pressi del parco e di Villa d’Oria.

Da mesi chiedo un censimento a tutela di tutti i cittadini, regolari, italiani e non,  cacciando se serve con la forza chi non ha nome né cognome, non lavora, non ha residenza e mette in pericolo la vita di altri. Oggi un’amministrazione lassista, irresponsabile, ipocrita e perbenista di sinistra, di fronte ad un’emergenza sociale è assente! Assente per i cittadini di Albano perché non sa garantirne la sicurezza ed assente nei confronti di un uomo che mette in pericolo se stesso oltre che la comunità. Non starò ad aspettare che accada qualcosa di grave ad una donna o ad un bambino e nessuno di noi deve permettere che questo accada; domani quest’uomo ubriaco potrebbe accoltellare nostra madre nostra moglie o nostro figlio.

Non starò ad aspettare che qualcuno dopo aver subito una violenza possa pensare di farsi giustizia da solo. Cosa faremmo se questo dovesse accadere? Ci stracceremmo le vesti battendoci il petto per non aver saputo intervenire quando ancora era possibile farlo? Non permetterò che questo accada! Non permettiamo che questo accada! Chiederò ad ogni consigliere di questa amministrazione, visto l’emergenza di portare in via straordinaria il tema sicurezza al prossimo consiglio comunale.

Nel frattempo farò in modo che questa persona venga sottoposta quanto prima a TSO (trattamento sanitario obbligatorio) e a chi mi taccerà di razzismo, dico fin da subito che il vero razzista è chi lascia un povero cristo ubriaco e violento in balia di se stesso,l’amministratore che non interviene di fatto alimenta un clima di pericolosa intolleranza decretando ancora una volta in modo tangibile concreto e inopinabile la propria incapacità.