4 dicembre 2016

Valmontone – Attività di produzione di droga casalinga scoperta dalla polizia

E’ stata l’attenta e scrupolosa indagine, che ha portato gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Prenestino, diretto dal dr .Mauro Baroni, all’arresto di padre e figlio.

Dopo una serie di accertamenti, con appostamenti e pedinamenti, i poliziotti sono riusciti ad individuare ed identificare T.V., romano di 27 anni, quale persona dedita all’attività di spaccio di stupefacenti, residente anagraficamente in un appartamento a Valmontone, ma domiciliato a casa del padre, nel medesimo Comune.

Giovedì scorso, appostatisi all’esterno dell’abitazione di quest’ultimo, i poliziotti hanno atteso l’arrivo dei proprietari per procedere ad una perquisizione domiciliare.

Già durante l’attesa non è sfuggita agli agenti della Polizia di Stato, la presenza di alcune piante di marijuana coltivate in giardino.

Sono le 11.00 circa quando vedono giungere a bordo di autovettura T.G., romano di 60 anni, padre del T.V.. Quando gli hanno chiesto dove fosse il ragazzo, l’uomo ha riferito che stava lavorando. A quel punto gli investigatori con una scusa lo ha hanno chiamato al telefono invitandolo a rientrare a casa del genitore.

L’uomo invece, contrariamente a quanto richiesto dai poliziotti, si è recato nella sua residenza ubicata sempre a Valmontone probabilmente con l’idea di far “sparire” le tracce della sua illecita attività di spacciatore.

Ad attenderlo però ha trovato gli agenti che già da ore si erano appostati sotto la sua abitazione. In casa l’uomo nascondeva, in un pensile della cucina 2 pezzi di hashish per un peso di circa 100. Inoltre, è stato sequestrato anche un coltello ancora intriso di stupefacente, una bilancia elettronica e materiale per il confezionamento.

Contestualmente altri agenti della Polizia di Stato, hanno proceduto alla perquisizione a casa del genitore appena rientrato in casa. Qui gli investigatori hanno sequestrato le 5 piante di marijuana coltivate in giardino, numerose dosi di marijuana e oppiacei nascoste in capi di abbigliamento e in un armadio, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente.

Denunciato anche un altro figlio dell’uomo, coabitante, nella cui stanza da letto gli agenti hanno rinvenuto una dose di marijuana, una busta di mannite utilizzata per il taglio dello stupefacente e un flacone di medicinale riconducibile a steroide anabolizzante a base di sostanza stupefacente di tipo meta anfetamina, per cui vi è il divieto di vendita.

Al termine delle operazioni T.G. è stato arrestato per coltivazione e produzione di marijuana mentre il figlio, T.V., è stato arresto per detenzione ai fini di spaccio di hashish.

About Giovanni Soldato 2949 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.