4 dicembre 2016

Termini – Smantellata banda di tassisti abusivi, 30 le vetture sequestrate

Seguendo le direttive del Questore di Roma Nicolò D’Angelo, gli uomini della Polizia di Stato del Commissariato Viminale, diretto dal Dott. Antonio Pignataro, stanno proseguendo alle verifiche finalizzate a garantire il rispetto delle condizioni di legalità nell’area della Stazione Termini.

Molteplici i servizi di controllo del territorio effettuati per rendere più sicura l’intera zona, nell’intento di garantire maggiore sicurezza, in particolar modo ai viaggiatori ed ai turisti.

Basti pensare che nei primi sei mesi di quest’anno sono stati arrestati dagli uomini del Commissariato Viminale nell’area di Termini circa 200 persone, tutte di nazionalità straniera, responsabili di rapine, furti e borseggi; denunciate inoltre in stato di libertà circa 500 persone, anch’esse per la maggior parte straniere, per molteplici gravi reati.

In tale difficile contesto operativo è da evidenziare che l’attività degli agenti della Polizia di Stato del Commissariato, non si è limitata alla sola repressione dei reati predatori, ma è volta alla prevenzione di ogni tipologia di reato.

Particolare attenzione e’ stata rivolta a tutti quei viaggiatori in transito presso la Stazione Termini che spesso subiscono “pressioni” da parte di numerosi tassisti abusivi i quali, spacciandosi per “regolari”, traggono in inganno i malcapitati accaparrandosi un gran numero di corse con tariffe anche tre volte superiori a quelle praticate dai taxi autorizzati.

Già da alcuni mesi infatti, l’attività investigativa degli uomini della Polizia di Stato è stata rivolta ai tassisti abusivi procedendo al sequestro di ben 38 autovetture ed alla denuncia dei conducenti che sono risultati in molti casi sprovvisti dell’assicurazione nonchè, con grande sorpresa degli stessi agenti, della patente di guida.

I controlli sono proseguiti per diverso tempo.

Partendo dall’individuazione di un tassista che aveva destato sospetti, gli investigatori attraverso lunghi appostamenti, lo hanno sorpreso nel momento “dell’adescamento” di un cliente; immediato l’intervento dei poliziotti, che lo hanno identificato, oltre a sequestrargli il veicolo.

Sono stati inoltre individuati altri che, oltre ad essere “falsi” tassisti, erano addirittura sprovvisti di patente di guida; in alcuni casi erano anche privi di assicurazione.

Inoltre quasi tutte le autovetture sono risultate essere intestate a vari “prestanome”.

About Emanuele Bompadre 8223 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.