5 dicembre 2016

Roma – Sociale, firmato l’accordo “Una famiglia per una famiglia”

Un patto tra famiglie per superare situazioni di disagio e rendere la famiglia non più soltanto un beneficiario, ma un soggetto attivo delle politiche sociali. Sono questi gli obiettivi del progetto sperimentale “Una famiglia per una famiglia” che a Roma sarà avviato grazie all’accordo siglato oggi tra Roma Capitale, Caritas italiana, Caritas di Roma e Fondazione Paideia.

Il progetto prevede che una famiglia solidale aiuti e sostenga un’altra in temporanea difficoltà, coinvolgendo tutti i componenti di entrambi i nuclei, attraverso un approccio innovativo che sposta la centralità dell’intervento dal bambino all’intera famiglia.

“Una volta un bambino mi ha chiesto perché aiutassimo soltanto lui e non anche i suoi genitori. Con questo progetto mettiamo finalmente la famiglia al centro della rete solidale della città, come protagonista oltre che come destinatario di azioni di sostegno”, dichiara Francesca Danese, assessore capitolino alle Politiche sociali e firmataria dell’accordo. “’Una famiglia per una famiglia’ vuol essere una risposta concreta alla fragilità e all’esclusione sociale, che agisca al fianco della buona politica anche favorendo il rapporto di fiducia con le istituzioni”, continua l’assessore Danese, “perché chi scivola nelle maglie della povertà, magari improvvisamente, spesso ha difficoltà a reperire informazioni sull’accesso agli strumenti e alle misure di sostegno”. Il progetto mira, dunque, anche ad aumentare l’interazione tra famiglie, enti e servizi, sia agevolando la relazione con le realtà istituzionali che implementando la collaborazione tra pubblico privato.

Concretamente, la relazione tra le due famiglie si sviluppa attraverso incontri e contatti telefonici frequenti, il sostegno organizzativo nella gestione dei figli, il supporto pratico nella gestione dei rapporti con le istituzioni e la partecipazione a momenti di festa e socializzazione.

Il progetto si sviluppa attraverso strumenti di lavoro quali: il patto educativo sottoscritto tra le due famiglie per definire obiettivi, modalità e durata dell’affiancamento, un gruppo mensile di mutuo aiuto rivolto alle famiglie affiancanti con l’obiettivo di sostenere ed elaborare le esperienze in corso, e un gruppo di supervisione periodico rivolto ai tutor per monitorare gli affiancamenti in corso.

Al Comune, attraverso i propri referenti nei gruppi tecnici e istituzionali, è affidato un ruolo di monitoraggio e valutazione, ma anche di informazione e diffusione del progetto sul territorio.

Questa fase sperimentale vedrà il coinvolgimento di otto famiglie romane, un numero destinato a crescere grazie alla collaborazione dei municipi.

“Dopo l’avvio della cabina di regia dell’accoglienza, che sta registrando un numero davvero straordinario di adesioni di associazioni e realtà impegnate nel sociale, col progetto ‘Una famiglia per una famiglia’ mettiamo un altro prezioso tassello nel grande mosaico di città solidale. Un mosaico che stiamo componendo riattivando e valorizzando le tante energie positive in circolo, grazie alle quali renderemo Roma sempre più una Capitale della solidarietà”, ha concluso l’assessore Francesca Danese.

About Emanuele Bompadre 8230 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.