8 dicembre 2016

Roma – Il Campidoglio precisa: “Nessuna cancellazione dei numeri romani, solo adeguamento dati”

Nessuna rinuncia ai numeri romani, nessuna targa di travertino cambiata nelle strade e nelle piazze della città, via Paolo V continuerà a chiamarsi come si è sempre chiamata (e scritta). La delibera adottata dal Roma Capitale, per iniziativa del dipartimento della toponomastica, riguarda esclusivamente l’adeguamento (voluto da una legge nazionale e quindi non eludibile) dei nomi delle strade e delle piazze inseriti nelle banche dati degli indirizzi. La necessità manifestata dall’Istat è semplicemente quella di avere una grafia uniforme in tutto il paese e immediatamente leggibile nelle banche dati elettronici secondo la quale ai numeri romani viene sostituita una dizione con la scritta per esteso. Allo stesso modo andranno scritti interamente alcune parti dei nomi sino a ieri siglate (S. per Santo, SS. Per Santi). Una semplice operazione di uniformità formale che rende più semplici molti dei servizi oggi assicurati attraverso le banche dati (dalla bollettazione alle indicazioni stradali).

Non c’è la più piccola intenzione di modificare una scrittura che è il retaggio culturale della lingua latina in quella italiana (come nelle altre lingue neolatine), per altro l’indicazione dei numeri ordinali con la numerazione latina è invalsa anche in molte altre lingue di ceppi diversi.

“Scambiare questo semplice adeguamento voluto da una circolare Istat – commenta l’assessore alla Cultura Giovanna Marinelli che ha anche la giuda della toponomastica – con la volontà di introdurre modifiche culturali o impoverire la lingua italiana è sbagliato e temo nasconda per qualcuno la volontà di fare inutili polemiche. Noi applichiamo semplicemente la circolare Istat n.912/2014 del 15 gennaio 2014 intitolata “Precisazioni relative all’attività di inserimento e validazione dei dati toponomastici (stradari e numeri civici) in Ansc, tramite l’utilizzo del “Portale per i comuni”.

Tale direttiva precisa che tutti i Comuni italiani devono adeguarsi nell’aggiornamento del database e dell’archivio on line per standardizzare il modo in cui vengono ufficialmente denominate le strade della nostra nazione seguendo un criterio unico ed evitare confusioni e ambiguità nell’individuazione degli indirizzi.

La colpa del Campidoglio sarebbe solo quella di essere uno dei primi comuni ad applicare queste norme collaborando con quanto richiesto da un organo statale. Un database non riconosce i numeri romani, ma solo numeri o lettere.

Gli appassionati delle storiche targhe – conclude – nelle strade e nelle piazze, tra cui sono anche io, non hanno nulla da temere: i numeri romani non scompariranno dalle targhe già esistenti e neppure da quelle future”. Lo comunica, ina una nota, il Campidoglio.

About Emanuele Bompadre 8266 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.