8 dicembre 2016

Droghe. Le vecchie resistono ma il ‘sintetico’ spopola tra i giovani

La morte del ragazzo di 16 anni in una discoteca di Riccione ha acceso ancora una volta i riflettori sul consumo di sostanze stupefacenti da parte dei minori aprendo scenari inediti e inquietanti.

Se infatti le vecchie droghe sono comunque dure a morire – soprattutto la cocaina, sempre più la più amata dagli italiani di ogni età e classe sociale, meno l’eroina che sta riemergendo comunque dal dimenticatoio in cui era stata relegata nei primi anni 2000, mentre per quel che riguarda la cannabis si parla di legalizzazione – ciò che sembra far presa soprattutto sui più giovani è il ‘sintetico’. Parola d’ordine dei ragazzi che vanno in discoteca è ‘sballo’, non importa come, non importa grazie a chi o cosa. Ecstasy, Mdma, Ghb (detta anche ‘droga dello stupro’) e ogni tipo di pasticche spesso ingerite anche inconsapevolmente, tra fiumi di alcol. Sostanze facilmente reperibili nei locali notturni e con costi relativamente bassi, su cui è difficile intervenire, nonostante le campagne di prevenzione di Governo e enti locali, dentro e fuori le scuole. Anche perché non sempre la causa della loro assunzione è il disagio sociale, le difficoltà economiche o i problemi a scuola o in famiglia.

Secondo alcuni studi infatti, la causa del fenomeno è da ricercarsi nella pura e semplice ricerca dello sballo, del divertimento più sfrenato o dell’emozione estrema che l’alcol da solo non è più in grado di garantire. Ma soprattutto, nella paura comune tra molti adolescenti, di essere esclusi o di esser considerati ‘sfigati’ dal resto del gruppo.

Figlie del disagio sociale sono invece quelle sostanze low cost e ‘home made’, tipiche dell’Europa dell’est che tuttavia ancora non si sono affacciate nel nostro Paese. Tra tutte il cosiddetto Krokodil. Mix letale di sostanze (codeina, detersivi, olio, benzina e iodio) facilmente reperibili che provoca la formazione di grosse piaghe e squame sulla pelle (da cui il nome di “coccodrillo”) e lo scioglimento delle ossa. Nei casi più gravi bisogna amputare gli arti colpiti, mentre l’aspettativa di vita per i tossicodipendenti è bassissima: da 1 a 3 anni.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.