9 dicembre 2016

Estate a prova di bambino: ecco qualche dritta per i genitori

È tempo di vacanze, sia per i grandi che per i più piccini. Con la scuola che sembra soltanto un lontano ricordo e le ferie imminenti, le famiglie si preparano a spendere qualche settimana assieme, lontane dalla routine quotidiana. Decidere dove passare le proprie vacanze però, non è così semplice come sembra, perché mettere d’accordo tutti i componenti della famiglia senza scontentare nessuno si rivela spesso un gran problema.

L’intento comune dei genitori rimane comunque quello di regalare un’estate serena ai propri figli, che inevitabilmente avranno un peso determinante nella decisione finale. Sia che si scelga di andare al mare o in montagna, l’importante è assicurarsi che vi siano delle strutture e delle attrazioni che possano riempire la giornata dei bambini regalandogli un’esperienza piacevole che permetta anche a loro di ‘ricaricare le batterie’ in vista del prossimo anno scolastico.

I tempi delle vacanze sono notoriamente dilatati. Non vi sono incombenze specifiche o ragioni per cui si ‘devono’ fare certe cose, a patto che ad esempio non abbiate organizzato una visita ad un luogo particolare o una giornata in bicicletta, perciò non è un errore concedere ai bambini qualche ora in più rispetto al normale, cercando ovviamente di stabilire dei limiti precisi.

Le vacanze in famiglia sono principalmente un momento di condivisione, ecco perché è importantissimo coinvolgere i figli sotto qualsiasi punto di vista senza trattarli da “piccoli” pensando che “tanto non capiscono”. La vacanza, o parte di essa; potrebbe essere pianificata prendendo a noleggio un’auto dall’autonoleggio di turno, come ad esempio BuonoTourist se vi trovate in zona Salerno, o qualsiasi altro autonoleggio in base al luogo delle vostre vacanze, e concordare l’itinerario di viaggio con i vostri figli, magari consultando una piantina: in questo modo si sentiranno coinvolti e partecipi e potranno vedere nella mappa dove sono, facendo anche (indirettamente) un po’ di geografia.

Assicuratevi di far praticare loro dello sport all’aria aperta. L’attività fisica, oltre ad essere fortemente consigliata a tutte le età, permette loro di scaricare tante energie e divertirsi in modo spensierato. Insegnate loro la collaborazione e lo spirito di squadra piuttosto che la competizione e riuscirete a coniugare una buona lezione di vita ad un lato altrettanto pratico come l’attività fisica.

Infine provate a non imporre troppi vincoli ma lasciateli liberi di organizzarsi i loro spazi e il loro tempo. Ciò non significa aprire la porta di casa e renderli padroni del proprio destino di punto in bianco ma dare loro delle piccole responsabilità, in modo da imparare cosa sia giusto o sbagliato fare e in quale circostanza. Limitare la sfera del ‘proibito’ li aiuterà a comprendere meglio ogni situazione ed evitare di cacciarsi inutilmente nei guai solo per trasgredire ad un ordine.