4 dicembre 2016

L’odioso odio nel motociclismo

Augurare ad una persona di rimanere paralizzata su una sedia a rotelle è un qualcosa che va al di là della vergogna: denota la mancanza di rispetto verso la vita e verso le sue gioie e sofferenze.

Significa che si è a corto di idee ed argomenti.

Quindi condanno chi ha augurato una bruttura simile via Facebook a Valentino Rossi.

Condanno in maniera altrettanto netta chi, senza alcun motivo se non quello di difendere i propri interessi, cerca di far passare per contatti inevitabili le entrate e resistenze alla kamikaze che stanno caratterizzando le gare negli ultimi anni.

11716031_10205538995047481_686234202_n (1)Se ad un ragazzino facciamo capire che in pista può fare quello che vuole, anche prendere a carenate e spallate i propri avversari, creiamo il rischio di avere dei futuri potenziali uomini su sedie a rotelle.

Ad oggi certi scontri non hanno portato a nulla di grave per i piloti. Se tirano, però, troppo la corda, questa prima o poi si spezzerà.

Le conseguenze di una scivolata in pista, specie a seguito di un contatto, per quanto i piloti possano essere protetti, sono imprevedibili; tanto può andare bene tanto può andare male. Se dovesse andar male, la sedia a rotelle non è l’unica delle opzioni presenti….

In pista non deve MAI mancare il rispetto tra i piloti, anche se si gioca un mondiale!

MAI il proprio egoismo deve valicare il recinto della vita altrui. Le due ruote sono pericolose e lo diventano di più se usate in preda a deliri di onnipotenza e megalomanie tipo “Io sono io e voi non siete un…..Scansatevi, altrimenti….”.

Il motociclismo è uno sport che esalta i piaceri della vita, non una lotta che li mortifica.

Su chi si è scandalizzato solo oggi dico meglio tardi che mai. Mi meraviglia, però, che non abbia detto o scritto nulla quando, ad esempio, a Misano da una tribuna si alzò assordante un urlo a seguito della scivolata di Casey Stoner. Gioire delle cadute degli avversari è odioso; per fortuna Casey ebbe modo di alzarsi con le proprie gambe. Se fosse andata diversamente, odioso, vero?

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5933 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.