3 dicembre 2016

Bracciano – Rifiuti nel parco, ci pensa “Striscia la notizia”

“[quote font=”0″ arrow=”yes”]

Ringraziamo per la denuncia presentata la trasmissione televisiva “Striscia la Notizia”, che nel servizio andato in onda il 28 aprile pv, ha segnalato situazioni di degrado ambientale in alcune aree del nostro Parco; in particolare evidenziando la presenza di agenti inquinanti nel fosso della Lobbra e di diverse discariche abusive in certe zone del comune Bracciano. Questo servizio televisivo ha portato all’attenzione del grande pubblico uno dei problemi che quotidianamente vengono affrontati dagli uffici del Parco: l’abbandono dei rifiuti e l’inquinamento dei luoghi. Già nel novembre 2001, a pochi mesi dall’istituzione del Parco, i guardiaparco redigevano una informativa alla Procura di Civitavecchia relativa alla fuoriuscita, in località Vigna di Valle nel comune di Anguillara, di liquami provenienti da un collettore della rete fognaria circumlacuale che raccoglie le acque nere dei comuni del bacino Sabatino (localmente definita Co.B.I.S.), che si riversavano nel lago. Numerosi gli altri interventi del servizio di vigilanza nella località fosso della Lobbra: solo negli ultimi due anni ci sono state quattro segnalazioni alle autorità competenti della presenza di rifiuti abbandonati, una comunicazione di notizia di reato alla Procura della Repubblica di Civitavecchia relativa all’abbandono di un ingente quantitativo di rifiuti speciali costituiti da accumulatori elettrici (batterie).
Anche nelle altre zone del Parco, spesso grazie alle segnalazioni dei cittadini, sono frequenti gli interventi dei guardiaparco per abbandono di rifiuti o per discariche abusive, ritrovate in aree spesso di notevole pregio in seguito bonificate, composte nella maggior parte dei casi da elettrodomestici e calcinacci, ma anche da copertoni o eternit, in molti casi oggetto di denunce e sanzioni, l’ultima delle quali elevata poche settimane fa per un importo di 600€.
Il Parco è attivo sul tema dei rifiuti, fin dalla sua istituzione, non solo con il servizio di vigilanza. Oltre, infatti, ai numerosi progetti di educazione ambientale proposti nelle scuole primarie del territorio, il più recente dei quali, “Fai la differenza!”, si concluderà a Trevignano Romano il 22 maggio con un’uscita dedicata alla pulizia degli arenili e dei fondali, il Parco ha negli anni organizzato o collaborato con gli Enti Locali e con Associazioni ambientaliste e non a numerose iniziative di volontariato.
“Puliamo il mondo” (2002), “Puliamo i fondali” (2003-2006-2007), “Pulizie di Primavera” (2005), “Non areniamoli, non imboschiamoli” (2011-2012), “Puliamo Martignano” (2011 e 2012), “Puliamo San Celso” (2014), sono solo alcuni esempi di queste iniziative, alle quali non è mai mancata l’adesione dei singoli cittadini e che, cosa ancor più rilevante, hanno contribuito ad accrescere la consapevolezza e la coscienza civile, al punto che gruppi sempre più numerosi e attivi organizzano autonomamente a cadenza quasi settimanale giornate di volontariato per la raccolta dei rifiuti abbandonati.

[/quote]

“Gli uffici del Parco sono comunque, sempre disponibili ad accogliere ed ascoltare direttamente le eventuali segnalazioni dei cittadini relative all’abbandono dei rifiuti ed alle segnalazioni di situazioni di rischio ambientale – dichiara il Commissario del Parco Giuseppe Curatolo – ed a predisporre tutte le azioni per la bonifica dei luoghi indicati in collaborazione con gli Enti territoriali e con le Agenzie regionali interessate”.

Così in una lettera aperta il Commissario del Parco Giuseppe Curatolo