10 dicembre 2016

Le gemelle più veloci del mondo

Sono quasi sicuramente le gemelle più veloci del mondo. Difficile, infatti, immaginare una coppia di gemelli – donna – che praticano uno sport motoristico. Parliamo delle gemelle Pankiewicz, 15enni, polacche, provenienti dal karting internazionale, oggi impegnate in una serie di test al Mugello e che parteciperanno nel 2015 all’Italian F.4 Championship Powered by Abarth dove, fra l’altro, daranno il via, tra l’altro, all’Italian F.4 Women Trophy.

Julia e Wiktoria hanno iniziato a gareggiare nel karting in Polonia con le classi Rotax e nel 2013 hanno debuttato nel karting Internazionale nella classe KF Junior. Nello stesso anno hanno partecipato alla Serie Academy della CIK-FIA. Entrambe hanno disputato tutte le gare WSK, il Campionato Europeo e il Campionato del Mondo.

Quest’anno, oltre a gareggiare nel Campionato esattamente come i colleghi maschi, le due gemelle, con la loro partecipazione, concretizzano a tutti gli effetti la nascita dell’Italian F.4 Women Trophy, un ulteriore stimolo ed elemento di visibilità per supportare le pilota di sesso femminile.

Le gemelle Pankiewicz si affideranno per il debutto nelle Formule al giovane team R.B. Racing, guidato da Marco Angeletti, team manager dalla grande esperienza nelle competizioni kartistiche, dove, tra l’altro, ha militato a lungo nella Birel SpA, oggi Birel ART.

“Questo debutto qui al Mugello, dicono duranta una pausa dei test, è stato particolarmente impegnativo. Il circuito è bello, uno dei nostri preferiti, ma molto difficile”. Loro obiettivo è acquisire informazioni prova dopo prova, gara dopo gara, e migliorare sempre, seguendo anche una specifica preparazione fisica che effettuano, continuando nel contempo a frequentare la scuola.

Per vederle in gara al Mugello l’appuntamento è il 12 luglio prossimo.

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.