5 dicembre 2016

Fiumicino – Primo soccorso pediatrico, dal 18 aprile tre lezioni sulla disostruzione

Tre lezioni di primo soccorso pediatrico e manovre di disostruzione delle vie aeree. Ad organizzarle è l’Ufficio di Coordinamento Pedagogico, coordinato dalla dottoressa Cristina Ferrera, nell’ambito del programma delle attività dello Spazio Genitori- Figli di Villa Guglielmi, avviato dal mese di Settembre 2014. Il primo appuntamento è in programma domani, sabato 18 aprile, dalle 8,30 alle 12,30 presso Villa Guglielmi a Isola Sacra. I successivi incontri si terranno a Maccarese, sabato 16 maggio, nella Sala conferenze di via del Buttero e, infine, il 13 giugno di nuovo a Villa Guglielmi.

L’obiettivo è quello di fornire ai genitori strumenti importanti per affrontare le emergenze senza perdere il controllo. Il rapido riconoscimento di un’ ostruzione delle vie aeree in età pediatrica, ed il successivo intervento, possono infatti prevenire conseguenze gravi, anche fatali.
“E’ fondamentale –spiega l’assessore alla Scuola e ai Servizi Sociali, Paolo Calicchioche i nostri cittadini e tutti gli operatori abbiano una’adeguata formazione. Ricordiamo che il corso è gratuito e a costo zero per l’Amministrazione. Rappresenta la conclusione di un capillare percorso formativo che ha coinvolto il personale educativo degli asili nido e delle scuole dell’infanzia comunali su tematiche quali il primo soccorso pediatrico, l’uso del defibrillatore e il riconoscimento precoce della celiachia”.

“Con questo corso – spiega il dirigente Roberto Sampòvogliamo ancora una volta sottolineare la volontà dell’Amministrazione comunale di sostenere iniziative altamente qualificate finalizzate alla messa in rete di attività che abbiano come scopo quello di salvaguardare il benessere psicofisico dei cittadini, con particolare riferimento alle nuove generazioni”. 

About Emanuele Bompadre 8230 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.