4 dicembre 2016

Nuove passeggiate notturne al Foro di Cesare con la voce di Piero Angela

Dopo i 110mila spettatori e i 563 spettacolo dell’anno scorso il Campidoglio replica, anzi raddoppia: dopo il Foro di Augusto, infatti, il progetto di Piero Angela e di Paco Lanciani riparte e si amplia coinvolgendo anche il Foro di Cesare. Dal 25 aprile all’1 novembre (con anteprima la sera del 24 aprile sarà possibile intraprendere nelle due aree due diverse e suggestive esperienze, con passeggiate notturne nell’area archeologica accompagnate dalla voce di Angela e da illuminazioni, filmati e ricostruzioni che mostreranno partendo da pietre, frammenti e colonne, grazie a tecnologie all’avanguardia, i luoghi così come si presentavano ai tempi dell’antica Roma.

A presentare l’iniziativa nella sala Pietro da Cortona dei Musei capitolini è stato oggi il sindaco Ignazio Marino, insieme al curatore Piero Angela. “Quest’anno abbiamo fatto un altro passo avanti, ma ce ne sono ancora diversi da fare e il Foro di Traiano è uno straordinario candidato a diventare terzo spettacolo serale dei Fori Imperiali nel 2016″ ha chiarito Marino che poi ha anche dato un altro annuncio.

“Grazie a un mecenate, un filantropo di cui riveleremo a breve il nome- ha detto- dopo le colonne del Tempio della Pace potremo innalzare le 6 colonne del Foro di Traiano che non erano più in piedi dal 350 circa dopo Cristo. Dopo 1.600 anni cambierà di nuovo lo scenario di questo spettacolare posto della nostra città. Nel percorso delle Domus Romane c’è poi un’entrata che porta direttamente alla Colonna Traiana, quindi può essere immaginata un’unificazione fino al Foro di Traiano”.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5936 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.