Regione Lazio, 180 milioni per la Roma-Lido

Roma-Lido



Pendolaria anche quest’anno ha decretato che la peggiore tratta ferroviaria d’Italia è la Roma-Lido. Una leadership che ancora una volta vede il collegamento tra Roma e mare dominare su tutte le tratte nazionali. Un collegamento che dovrebbe essere un fiore all’occhiello della capitale e che ha bisogno di un restyling e di raggiungere un’operatività utile alle centinaia  di migliaia di persone che la utilizzando per andare e tornare dal lavoro. In una nota rilasciata oggi il consigliere alla regione Lazio Michela Califano ha confermato che l’impegno preso con i cittadini deve essere rispettato.

Regione Lazio, la dichiarazione di Michela Califano

L’acquisto da parte della Regione Lazio dei primi 5 nuovi treni per la ferrovia Roma-Lido, linea regionale gestita da Roma Capitale, è sicuramente una buonissima notizia della quale ringrazio il presidente Zingaretti e l’assessore alla mobilità Alessandri. Conosciamo tutti le criticità di questa tratta e la sua scarsa funzionalità. I report che arrivano annualmente stanno lì a testimoniarlo. Mettere mano a questa linea è sicuramente una priorità se si vuole davvero investire in una mobilità sostenibile. E questo è un primo provvedimento con il quale si dà seguito a un impegno preso con il territorio non solo del X Municipio ma anche di Fiumicino.

L’acquisto dei 5 nuovi treni, è importante sottolinearlo, fa parte di un pacchetto di 180 milioni sbloccato oggi dalla Regione Lazio. Fondi che serviranno non solo per un ammodernamento infrastrutturale e migliorare la tratta, ma anche a rimettere in servizio a partire da settembre quei treni attualmente fermi in deposito. Sappiamo tutti che questo è solo un primo provvedimento, di certo non salvifico, che però ha l’obiettivo importantissimo di invertire finalmente la rotta e dare a tutti i pendolari che ogni giorno subiscono le criticità della Roma-Lido, risposte quantomeno concrete.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.