Il poco tanto: l’ossimoro del nuovo millennio

Il poco tanto: l’ossimoro del nuovo millennio



Avete mai sentito parlare del poco-tanto? Tranquilli, il poco- tanto, ossimoro dal suono vorace come un  ruggito di un leone, non è una nuova filosofia orientale, non è una posizione yoga, né una soluzione al dilemma del uomo: “come essere felice”

In vero, il poco tanto è un concetto talmente familiare da sembrare banale: il tempo. In un mondo che viaggia alla velocità della luce, l’orologio è il principale nemico della socializzazione.

Agende ricche di appuntamenti,  pranzi in ufficio, spese fatte di corsa, impegni quotidiani rimandati al “week end”, è il ritmo calzante della vita moderna. Un ritmo veloce, velocissimo, serrato, serratissimo, come il rumore di un click del mouse, il vero scettro del uomo odierno che vive interconnesso, compra online, investe tramite mobile, utilizza parole come “smart e digital” più per voga che per convezione. Il dio denaro è l’ unico credo, l’ unica religione in un mondo ateo affamato di spiritualità e che si mostra  in vetrina luccicante e sfavillante.

Il mondo moderno è in conflitto perenne con il tempo

Il mondo moderno è in conflitto perenne con il tempo, una battaglia senza vinti e vincitori, dove correre è lo schema infallibile. Quindi, chi ci insegna a rendere il “poco” tempo, per suo natura effimero, “tanto”?

Nessun guru, nessun capo spirituale per rendere il poco “tanto” è sufficiente osservare i bambini. I veri eroi, costretti a lezioni di tennis e di inglese da genitori insoddisfatti, quando scelgono come impiegare il restante tempo, sottratto alle attività quotidiane, hanno coraggio e talento. Se chiedi ad un bambino cosa fare, senza imporre, lui è già avanti: ha la sua soluzione. Se chiedi ad un adulto, invece, si inizia con il clichè dei forse. Ho del tempo libero, forse chiamo un amico, o forse faccio un giro in città. Mentre un bambino è sicuro afferma con consapevolezza che ha deciso di fare.

Sono coscienti di avere “poco” e , pertanto, lo rendono “tanto”.

Sono Robin Hood, perché rubano ai ricchi (sottraggono tempo dai grandi) e, talvolta, scelgono la noia, il principale tabù degli adulti. La noia è fermarsi senza essere mai fermi. Ai grandi terrorizza perché è lo “svuota fame” dei fantasmi interiori, diversamente, i piccoli la ricercano per poterla apprezzare.

Il poco tanto è rinascere bambini in corpi da adulti. Dedicarsi un attimo per volersi bene quando, soprattutto, il resto impunta un pugnale alle nostre spalle.

Scegliere il meglio, regalarsi la serenità.

Addormentarsi vicino  al mare, perché le onde sanno cantare al cuore. Incontrare un vecchio amico per un caffè, scambiarsi discorsi confusi sul  tempo che passa, riavvolgere il nastro e rivivere i momenti vissuti in due.

Sorridere ad un parente anziano,  guardarlo e tenerlo per mano mentre tra le rughe del viso si cela un affanno. Parlare con i cani,  fedeli e leali amici che non si fermano al materiale. Ascoltare un po’ di  buon blues assaporando un whisky e degustando cioccolata mentre fuori piove e la pioggia  lava i restanti pezzi di noi.

Fermarsi ad osservare una farfalla che ti invita ad essere libero.

Leggere una poesia per restare romantici e per rispondere ai materialisti. Preparare un pasto per un parente e invitarlo a sedersi a tavola. Sono tutti esempi di come tutti possiamo imparare la “filosofia” del poco- tanto. Scegliere il meglio senza mettere mano al portafoglio, senza il costante richiamo visivo all’orologio.

Le lancette della vita ti stanno avvisando.

Hai ancora tempo.

Ti sembrerà poco, credimi, è tantissimo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.