Tor Bella Monaca, Operazione Torri Gemelle 2: 20 arresti per droga



A seguito di serrate e complesse indagini, dalle prime ore dell’alba, i Carabinieri del Gruppo
di Frascati stanno dando esecuzione a un’ordinanza che dispone misure cautelari, emessa
dal G.I.P. del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia,
nei confronti di 20 persone (tra cui 1 donna), appartenenti a un’organizzazione criminale
dedita al traffico illecito di sostanza stupefacente del tipo cocaina, radicata nella città di
Roma con base operativa e logistica nel quartiere di Tor Bella Monaca.

Le indagini, condotte dal febbraio al giugno 2016, dai Carabinieri della Stazione di Roma
Tor Bella Monaca, traggono origine da un precedente segmento investigativo che aveva
consentito, agli stessi militari, nel giugno del 2016, di dare esecuzione ad un’altra ordinanza
che disponeva misure cautelari nei confronti di 33 persone appartenenti alla medesima
associazione, atteso che lo svolgimento delle precedenti indagini, a partire dall’anno 2014,
aveva dato contezza dell’esistenza di una ampia organizzazione dedita allo spaccio di
sostanze stupefacenti di vario genere (per lo più cocaina ed hashish) davanti alle palazzine
popolari ubicate tra il civico N.322 e N.338 di Via San Biagio Platani, nel quartiere romano
di Tor Bella Monaca.

L’attività di spaccio organizzata

Le attività di prevenzione e controllo del territorio svolte dai Carabinieri avevano consentito
di evidenziare una costante attività di spaccio da tempo espletata, in forma che appariva
organizzata, da un numero particolarmente elevato di pusher, stabilmente presenti nei
luoghi e continuativamente dediti allo spaccio, facenti capo ad un giovane 26enne del luogo,
pregiudicato per armi e stupefacenti. Alla conclusione emergeva un sodalizio estremamente
radicato sul territorio e gli esiti delle indagini svolte con metodi tradizionali ed attività
tecniche attestavano l’elevatissimo volume d’affari dell’associazione, profitti derivanti da
un’incessante attività di spaccio, tanto serrata da incrementare notevolmente il quantitativo
di stupefacente immesso nel mercato romano.

L’esecuzione dell’ordinanza che disponeva misure cautelari del giugno del 2016 che pur
aveva portato ad un forte ridimensionamento dell’organizzazione criminale, con l’arresto
dei vertici e dei più importanti esponenti, ha però rappresentato solo l’inizio di una più
ampia attività di indagine condotta dai Carabinieri, sotto le direttive della locale DDA,
finalizzata a contrastare in modo concreto ed efficace il fenomeno dello spaccio di sostanze
stupefacenti nell’intera borgata di Tor Bella Monaca.

Più in particolare, il monitoraggio della piazza di spaccio nella fase post-esecuzione ha
consentito di acclarare una inesauribile e non sottovalutabile capacità evolutiva
dell’associazione in grado di fronteggiare anche lo stato di detenzione dei suoi vertici ed
una non parificabile duttilità e capacità di adattarsi a tali circostanze; come evidenziato
dagli oltre quaranta arresti in flagranza con contestuale sequestro di migliaia di dosi di
cocaina, operati dai Carabinieri, in quel luogo, anche nelle fasi successive e precedenti
alle indagini del 2014.

L’identificazione dei criminali

Nonostante l’evoluzione dell’organigramma criminale dell’associazione, le indagini svolte
hanno consentito di giungere all’identificazione dei nuovi sodali e di accertare i nuovi
ruoli ricoperti dai soggetti, che nelle precedente indagini, avevano ricoperto un ruolo solo
marginale, cui è spettato l’onere di raccogliere l’eredità dei vertici arrestati nel 2016,
al fine di garantire la continuità delle illecite attività; necessaria a dimostrare la costante
ed inesauribile presenza del sodalizio nel territorio e a garantire il mantenimento dei
sodali reclusi e delle loro famiglie.

Quella odierna è solo l’ultima delle importanti e recenti attività investigative condotte
dai Carabinieri e dalla DDA nel quartiere periferico di Tor Bella Monaca, finalizzate alla
disarticolazione di consolidati sodalizi criminali che, per anni, hanno gestito il traffico
di sostanze stupefacenti nel quartiere, rendendolo terreno fertile, proficuo e tristemente
noto per lo spaccio tra le palazzine popolari. Tali operazioni testimoniano la costante
attenzione degli inquirenti sul fenomeno in atto e la capacità investigativa di monitorare,
anche nelle fasi successive ad importanti indagini, le evoluzioni dei sodalizi criminali e
di individuare, immediatamente, i nuovi vertici, al fine di stroncarne “sul nascere”
qualsiasi tentativo di riorganizzazione.

Importanti le dichiarazioni di un pusher

Di comprovata importanza, le dichiarazioni testimoniali rese ai Carabinieri della
Stazione di Tor Bella Monaca, nel febbraio 2016, da uno dei pusher stabilmente
impegnati nelle attività di spaccio, che, oltre a fornire importanti elementi investigativi,
permetteva di accertare lo stato di completa sudditanza dei consociati al volere dei
vertici del gruppo criminale, pronti a reprimere, con violenza, qualsiasi tentativo di
“disobbedienza” e a “punire” con aggressioni di gruppo quei sodali, ritenuti responsabili
di eventuali errori nell’espletamento dei turni di lavoro loro designati (ammanchi di
stupefacente, di denaro, ecc..).

Altro elemento chiave dell’odierna indagine, la testimonianza di un collaboratore di giustizia, prima ai vertici dell’associazione, le cui dichiarazioni hanno permesso di far luce sulle modalità ed i tempi di spaccio dell’organizzazione, di delineare con esattezza i  ruoli dei vari sodali, confermando una programmatica rimodulazione strutturale che ha garantito la prosecuzione delle attività di spaccio. Le dichiarazioni rese dal collaboratore e dal testimone hanno offerto, per la prima volta, la possibilità di conoscere le dinamiche dei gruppi criminali dall’interno, e, pertanto, costituiscono senza dubbio un importante viatico anche per le indagini future.

Pusher italiani

Sulla piazza si è registrata la presenza di pusher italiani di diverse età, compresi minorenni, di sesso sia maschile che femminile, e di diversa nazionalità. Tra i clienti vi erano, invece, sia uomini che donne, di diverse estrazioni sociali e età (dai 18 ai 55 anni) e non si esclude anche alcuni minorenni. Nel corso di quest’ultima parte delle indagini, sono già state arrestate in flagranza 13 persone e recuperato un significativo quantitativo di cocaina e documentati oltre duecento episodi di spaccio.

L’operazione ha interessato oltre duecento Carabinieri coadiuvati dai cinofili, da un elicottero dell’Arma e da personale dell’8° Reggimento Carabinieri “Lazio”.

Informazioni su Samantha Lombardi 5488 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.