O il caldo, o lo smog, o lo stress…. è vita?

O il caldo, o lo smog, o lo stress.... è vita?



Ci sono stati tempi in cui solo se attraversavi la foresta di Sherwood correvi un ragionevole pericolo di non poterlo raccontare e pure in quel caso imbattersi in quel bel tipo di Robin Hood era una possibilità. Erano periodi pericolosi, ma chiari. Ora le insidie sono nelle cose che dobbiamo fare per forza per vivere: mangiare, respirare, uscire e per dirla tutta i killer sono nell’aria. Il pericolo è diventato parte integrante della nostra quotidianità e per questo motivo essere informati è fondamentale.

Una ricerca condotta dall’Univerisità di Poznam in Polonia ha trovato una correlazione decisiva fra caldo e stress. Si sapeva che il caldo eccessivo ci fa male, aumenta il nervosismo, non fa dormire e influisce anche sull’umore. Motivo per cui nelle ultime, estati che sono state roventi, c’è stata la corsa all’acquisto dei condizionatori, che però contribuiscono in una certa misura ad aumentare il livello del riscaldamento globale e quindi lo stress da caldo.

Pare un circolo vizioso

I ricercatori di Poznan hanno scoperto qualcosa in più aprendo la strada alla conoscenza approfondita di un ormone molto importante per l’organismo umano, il cortisolo. Prodotto dalle ghiandole surrenali il suo livello aumenta ogni qual volta l’organismo è costretto a cambiamenti improvvisi e stressanti. E’ l’ormone che in situazioni di rischio, innesca la risposta che ci fa reagire, ma l’ormone non lo sa se la causa si chiama in un modo o in un altro, comincia a salire per aiutare il corpo a superare le difficoltà, può fare solo questo!

Ora il cortisolo ha un andamento stagionale e si sapeva, ma non era stato dimostrato con un esperimento che i ricercatori di Poznan hanno fatto studiando un campione di studentesse a cui è stato misurato il livello di cortisolo prendendo un campione di saliva e chiedendo loro di tenere un diario sulle abitudini e lo stile di vita. Il cortisolo, abbastanza stabile nelle altre stagioni, ha raggiunto nel campione picchi elevatissimi durante l’estate, per cui la correlazione è stata dimostrata senza ombra di dubbio.

Il caldo, percepito come fonte di pericolo

Non si tratta di soffrire o non soffrire il caldo, il calore eccessivo è percepito dall’organismo
come fattore di pericolo. Un motivo eccellente per fare qualcosa per “il global warme” il
riscaldamento globale, che oltre a sbiancare la barriera corallina e diminuire la foresta
pluviale ci sta cuocendo, per adesso ancora a fuoco lento.

Qualcuno potrebbe dire che fronteggiare il caldo si può, è vero. Peccato che l’aumento del
calore e gli scarichi inquinino l’aria che respiriamo, ben 7 milioni di vittime solo per lo smog
nel nostro continente, insieme all’aumento delle allergie e delle malattie respiratorie. Non
riuscire a respirare e sentire il bisogno impellente di starnutire viene accettato come
normale e forse inevitabile, ma ci stressa. E con ciò ritorniamo al punto di partenza, però con
uno stress in più. Perchè niente come essere stressati ci stressa… Incredibile eppure è così…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.