Elezioni e Show, il 2018 inizia col botto

Elezioni e Show, il 2018 inizia col botto



L’inizio del 2018 si annuncia col botto, a breve sono previsti infatti due avvenimenti che catalizzeranno l’attenzione generale: uno a febbraio e l’altro ai primi di marzo. Si inizia con Sanremo la kermesse canora, data sempre per moribonda, che puntualmente rinasce dalle proprie ceneri. Fatto il necessario ritocchino annuale la conduzione è stata affidata ad un big del calibro di Claudio Baglioni  affiancato dalla showgirl Michelle Hunziker e dall’attore Pierfrancesco Favino. Le polemiche sui cachet sono partite, insieme alle consuete smentite, di aver speso troppo e anche questo conferma che tutto sommato sarà un’edizione normale, staremo a vedere…

Elezioni, iniziamo dalle liste

Poi ci sono le elezioni politiche il 4 marzo a cui saranno abbinate diverse consultazioni locali e regionali. Un appuntamento molto impegnativo per le forze in campo che sono alle prese con la compilazione delle liste dei candidati, si vocifera che sarà una campagna elettorale “vivace”, con tratti che si potrebbero definire spettacolari, in quanto per conquistare gli elettori delusi o disaffezionati, ormai una fetta importante del corpo elettorale, si ricorrerà ad ogni strategia, gli inizi sono promettenti anche se ancora soft e vanno dal suggerimento di prendere lezioni sul congiuntivo rivolte al leader del M5S a quello di comprare un salvadanaio per i risparmi invece di metterli in banca arrivato al segretario Dem, passando per le dritte di moda che dovrebbero riaggiustare l’abbigliamento del capo della Lega.

Si parla relativamente poco di questioni più “toste” perchè  la regola delle elezioni è quella di conquistare prima la scena del confronto, facendo crescere l’attenzione con proposte ad effetto che scuotano gli indecisi. Per usare una metafora sanremese si cerca la colonna sonora dei prossimi quattro anni, che dovrà essere: orecchiabile, facile da ricordare, ma non vuota di senso. E’ chiaro a tutti che la crisi ha creato nella collettività, microsocietà con problemi spesso contrapposti e trovare provvedimenti, che non creino ulteriori conflittualità, è l’impresa da compiere.

La bufera Orietta Berti

La prima bufera, neanche a dirlo, riguarda la cantante Orietta Berti, che con la canzone “Fin
che la barca va…” ha fornito parole e note adatte a chi ritiene che è meglio lasciar andare le
cose come vanno, eventualmente suona il campanello della porta nessuna paura è solo
l’amore che si prennuncia, ignorando che di questi tempi neppure lui può arrivare senza un
congruo preavviso! Insomma Orietta Berti ha reso nota la sua intenzione di voto e non
doveva farlo, si appurerà se il suo endorsement  ha danneggiato qualcuno. Probabile  una
tempesta in un bicchier d’acqua, perchè senza nulla togliere ad una colonna del canto
italico, pare difficile ipotizzare che, con le questioni spinose che ci sono sul tappeto, le sorti
della futura legislatura possano essere decise dalla Orietta nazionale.

O potrebbe accadere?

Quesito interessante e allora meno male che Sanremo viene prima delle elezioni, come dire
un pensiero alla volta, dopo ci si potrà preparare seriamente al voto, perchè è vero che
Sanremo è Sanremo come affermava un tormentone di qualche anno fa, ma le elezioni
sono le elezioni. Teniamo le cose  che prevedono professionalità diverse, distinte e separate.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.