Sotto il vestito niente, quando la beneficenza si fa… hot

Sotto il vestito niente, quando la beneficenza si fa... hot



Per carità nessuno si è azzardato ad essere tanto esplicito nelle richieste di personale rivolto dal Presidents Club di Londra ad un’agenzia che fornisce hostess di sala. Sembra però che diversi ospiti contassero sulla disponibilità totale delle giovani accompagnatrici per trascorrere una serata piccante e in questo caso piccante non è riferito al cibo!  Gli ingredienti per una spy story, di quelle che solo gli inglesi sanno imbastire, ci sono tutti, perfino la presenza in sala di agenti infiltrati ovvero due giornaliste del Financial Times che avevano ricevuto una soffiata sul carattere particolare della serata.

Quando si dona anima ma specialmente corpo al lavoro

Ma andiamo con ordine: il prestigioso Presidents Club, che raccoglie manager, esperti finanziari e diversi fra gli uomini più ricchi del Regno Unito, ha organizzato la consueta cena di beneficenza nel Dorchester Hotel dell capitale britannica. Scopo della serata raccogliere fondi per diversi enti e soprattutto per il Great Ormond Hospital che il club supporta con generose donazioni da tempo. Come è normale in queste occasioni il personale, fornito da agenzie specializzate, deve attenersi alla più rigorosa discrezione, quindi niente di quello che si ascolta può varcare la soglia degli splendidi saloni. Anche le hostess della cena in questione hanno dovuto firmare il loro consenso senza poter avere copia del corposo accordo che le ingaggiava, poteva suonare strano, ma si sa che gli affari si combinano anche a tavola e la cosa è finita lì.

Dress code osè

Il punto successivo prevedeva, un abbigliamento inderogabile, in pratica “un dress code” che aveva suscitato parecchi dubbi. Infatti insieme al nero di rigore in occasioni eleganti s’imponevano tacchi a spillo vertiginosi e biancheria intima adatta e succinta, preferibilmente a vista, non era detto esattamente con queste parole, ma il senso era inequivocabile. Bisogna lavorare e per questo motivo, anche se le richieste avevano generato perplessità, le hostess selezionate (tutte bellissime si capisce) si sono recate al lavoro. Il peggio doveva ancora arrivare perché, senza attendere l’effetto dell’alcool, i partecipanti al banchetto benefico si sono lanciati in allungamenti di mani, inviti a togliersi la biancheria intima e proposte di concludere la serata ai piani superiori dell’albergo nelle camere dal letto. In alcuni casi le hostess si sono dovute difendere dalle avances rifugiandosi nelle cucine o mettendo bruscamente a posto chi le palpeggiava spudoratamente.

I particolari della serata sono trapelati proprio attraverso le due giornaliste che hanno
raccolto lo sfogo delle hostess che hanno dichiarato di non aver mai visto un
comportamento del genere. Se è vero che in altre occasioni i clienti avevano flirtato con loro
mai era accaduto che infilassero le mani sotto le gonne! Immediatamente è arrivata la
reazione del Great Ormond Hospital che ha dichiarato di rifiutare la donazione fatta durante
la serata e ha aggiunto che in futuro non  accetterà neanche un penny se raccolto con
queste modalità. La polemica infuria ancora e come in tutte le spy story non mancano
ipotesi fantasiose tipo aver inscenato la faccenda a dovere per risparmiare soldi, sarebbe
davvero simile alla trama di un film e per questa ragione ulteriori accertamenti sono in corso.

In conclusione l’aspetto fisico

Resta da dire che la richiesta di un abbigliamento sexy si sta facendo strada pure in settori
in cui non è indispensabile, a volte accompagnata dall’impegno a dimagrire o  a conquistare
addominali tonici, glutei di ferro e quant’altro. Lavorare a contatto col pubblico va da se
comporta un aspetto curato  e gradevole, ma facendo due conti e sommando palestra, hair
stylist, biancheria intima in pizzo e scarpe firmate è naturale chiedersi quanto venga a
costare un posto di lavoro. Forse troppo se si calcola il dopo lavoro che le giornaliste sotto
copertura hanno scoperto. Le due ad onor del vero non sfiguravano tra i tavoli, svettavano
come le altre sui trampoli di vernice nera e avevano il decolletè bene in evidenza. Già, il
dress code era obbligatorio pure per loro…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.