Papa Francesco: “Maria ci aiuti a sviluppare gli anticorpi contro i virus dei nostri tempi”



Come da tradizione, anche quest’anno il Papa si è recato aPiazza di Spagna per rendere omaggio alla Vergine Maria. Nella solennità dell’Immacolata Concezione, dogma stabilito da Pio IX l’8 dicembre del 1854, Francesco ha dunque rivolto la sua preghiera alla Madre Celeste, “presenza materna, tenera e forte”, a nome “di tutti gli abitanti” di Roma.

Una preghiera diretta, semplice e profondamente concreta, in cui il Santo Padre ringrazia l’Immacolata “per la costante premura” con cui accompagna “il nostro cammino”, quello “delle famiglie, delle parrocchie, delle comunità religiose” e anche quello più faticoso di quanti, “ogni giorno, attraversano Roma per andare al lavoro”, degli ammalati, degli anziani, di tutti i poveri e delle persone immigrate” “da terre di guerra e di fame”.

Francesco ricorda tutti,  non dimentica nessuno e continua a ringraziare la Madonna per la Sua “presenza materna, tenera e forte” e Le chiede di aiutare Roma a “sviluppare gli ‘anticorpi’ contro “alcuni virus dei nostri tempi”: “l’indifferenza”, “la maleducazione civica che disprezza il bene comune”; “la paura del diverso e dello straniero”; “il conformismo”; “l’ipocrisia”; “la rassegnazione al degrado ambientale ed etico; lo sfruttamento di tanti uomini e donne”.

Avere l’abitudine di leggere ogni giorno un passo del Vangelo, è l’altra richiesta del Papa a Maria perché, sul Suo esempio, impariamo a custodire la Parola di Dio e a metterla in pratica.

Ricordando poi la conversione di Alfonso Ratisbonne, avvenuta nella chiesa di Sant’Andrea delle Fratte – a poca distanza da Piazza di Spagna – in cui Maria si mostrò come “Madre di grazia e di misericordia”, il Santo Padre implora che “anche a noi, specialmente nella prova e nella tentazione”, sia concesso non solo di mantenere lo sguardo fisso su di Lei, ma di essere spogliati da ogni arroganza, così da “riconoscerci come veramente siamo: piccoli e poveri peccatori, ma sempre tuoi figli”.

La speranza di essere condotti “per mano” a Dio dall’Immacolata, chiude la preghiera di Francesco che ci ricorda quanto “il Padre Celeste “ non si stanchi mai di aspettarci e di perdonarci quando ritorniamo a Lui”.

Dopo la preghiera e l’omaggio floreale deposto ai piedi della statua della Vergine, Papa Francesco ha salutato e benedetto, prima di tutto, i numerosi malati accompagnati dai volontari della Sezione Romana- Laziale dell’Unitalsi, presenti in  piazza di Spagna e provenienti dall’intera Regione.

Novità di quest’anno, la visita, a cerimonia conclusa, nella vicina chiesa di Sant’Andrea delle Fratte raggiunta a piedi dal Papa e dove, 175 anni fa, Alfonso Ratisbonne ateo e acerrimo nemico dei cristiani, si convertì proprio davanti all’immagine – ancora conservata – di Maria. L’atto di devozione, si è svolto in forma privata, così come nella Basilica di Santa Maria Maggiore prima di raggiungere Piazza di Spagna.

(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10941 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.