Dakar Rally: X-raid Team parteciperà con la MINI John Cooper Works Rally

Il costruttore automobilistico britannico MINI e il Team tedesco X-raid hanno avviato la fase preparatoria finale per il Rally Dakar 2018 con la presentazione delle loro attuali auto da corsa. Per la prima volta, MINI e X-raid affronteranno le sfide del più impegnativo rally del mondo sulla lunga distanza utilizzando due diversi tipi di trazione. Insieme alla versione ulteriormente avanzata del modello MINI John Cooper Works Rally con trazione integrale, la quale, al suo debutto, è arrivata sesta assoluta alla Dakar 2017, la MINI John Cooper Works Buggy, a trazione posteriore, partirà nella tappa di avvio il 6 gennaio 2018 dalla capitale del Perù, Lima.

Più determinati che mai, MINI e X-raid puntano insieme a continuare la loro storia di successi che li ha portati a quattro vittorie assolute consecutive dal 2012 al 2015. “Con queste due auto abbiamo la più potente famiglia MINI di sempre che abbia mai corso al Rally Dakar”, ha detto Sebastian Mackensen, Senior Vice President di MINI, alla presentazione a Parigi.

La ragione per la quale è stato sviluppato un secondo veicolo si ritrova nelle specifiche delle regole del Rally Dakar, che, nella loro attuale forma, danno alcuni vantaggi alle auto a due ruote motrici. Il Manager del Team X-raid, Sven Quandt, ha dato il via alla costruzione della MINI John Cooper Works Buggy nel febbraio del 2017. “È stato finora il progetto più grande nella storia della nostra azienda e ci siamo impegnati moltissimo nel suo sviluppo”, ha detto in occasione della presentazione del veicolo.

La MINI John Cooper Works Buggy è dotata di un motore diesel da tre litri con 6 cilindri in linea che sviluppa una potenza di 250 kW/340 CV ed una coppia massima di 800 Nm. La trasmissione e il propulsore, nonché la tecnologia di sovralimentazione del motore, che è basata sulla tecnologia TwinPower Turbo di BMW, sono stati completamente concepiti di recente. La MINI John Cooper Works Rally utilizza lo stesso motore. Il telaio tubolare in acciaio, appositamente progettato, offre la massima protezione per il pilota ed il passeggero in situazioni estreme. Una carrozzeria progettata appositamente in plastica rinforzata con fibre di carbonio (CFRP) e Kevlar riveste il telaio. L’aspetto esterno tipicamente “buggy” è stato progettato in stretta collaborazione con MINI Design e ottimizzato dal punto di vista aerodinamico.

La MINI John Cooper Works Buggy è stata già sottoposta ad un programma intensivo di test negli ultimi mesi, che l’ha portata su diversi tipi di superfici da rally, per esempio in Ungheria e in Marocco. “Durante questa fase, la ‘buggy’ non si è mai fermata per un problema tecnico, il che rappresenta un risultato davvero notevole”, ha commentato il Team Manager Sven Quandt. “Nonostante tutta l’euforia, non ci dobbiamo dimenticare la MINI John Cooper Works Rally”, ha aggiunto Quandt. “Vi sono tracciati con ogni tipo di superficie dove una trazione integrale ha i suoi vantaggi. Inoltre, la nostra vettura è estremamente affidabile”. Gli avanzamenti mirati per la MINI John Cooper Works Rally, che il pilota argentino Orlando Terranova ha guidato raggiungendo il sesto posto nella classifica assoluta del Rally Dakar 2017, comprendono una nuova costruzione del telaio che presenta, tra l’altro, una maggiore escursione delle sospensioni e riduzioni di peso.

Il Team X-raid per la Dakar 2018 schiererà sette vetture ed un team esperto di piloti e co-piloti. Le tre MINI John Cooper Works Buggy saranno pilotate da Mikko Hirvonen (FIN), Bryce Menzies (USA) e Yazeed Ali-Rajhi (KSA). Al volante delle MINI John Cooper Works Rally ci saranno Orlando Terranova (ARG), Jakub Przygonski (POL), Joan “Nani” Roma (ESP) e Boris Garafulic (CHI).

Con questo schieramento di piloti e una squadra di esperti organizzatori e tecnici, nonché specialisti medici, il Team X-raid sarà perfettamente equipaggiato per affrontare l’impegnativa prova di endurance che attende uomini e macchine alla 40a edizione del Rally Dakar. L’edizione anniversario, che avrà luogo in Sud America per la decima volta, porterà i partecipanti dal Perù all’Argentina passando per la Bolivia. Il Rally Dakar 2018 comprenderà lunghe tappe desertiche, tracciati sassosi e rocciosi, nonché tratti in asfalto che porteranno ad un’altitudine di 4000 metri sulle Ande. La fase finale si concluderà il 30 gennaio 2018 a Córdoba (Argentina).

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10133 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*