Ue: Cgil, previsioni sconfortanti, ma non sorprendenti

“Sconfortanti, ma non sorprendenti”. È questo il secco commento alle previsioni economiche della Commissione europea della segretaria confederale della Cgil Gianna Fracassi che, riferendosi alla situazione italiana, aggiunge: “bassa crescita e alta disoccupazione non sono una condanna, piuttosto l’effetto delle scelte del Governo di questi anni, compresa la legge di Bilancio attualmente in discussione”.

Per la dirigente sindacale “la ripresa italiana, certificata dalla stima di crescita del Pil per l’anno in corso, assume un tratto solo congiunturale e va ricondotta a un rimbalzo dell’economia internazionale, di cui però beneficiano più altri Paesi, europei e non, che il nostro”. “A decretare la nostra fragilità – prosegue Fracassi – concorrono le previsioni di incremento del Pil per il biennio 2018-2019, in cui non solo restiamo ultimi nella classifica europea della crescita, ma rimaniamo bloccati al terzo posto per alto livello di disoccupazione dopo Spagna e Grecia”.

“Ormai è chiaro: senza un cambiamento significativo della politica economica – sostiene la segretaria confederale – il nostro Paese si allontanerà sempre di più dal resto delle economie avanzate e le disuguaglianze, tra Stati, aree del Paese, imprese e lavoratori, continueranno ad aumentare in modo esponenziale”. “Per questo, tutte le nostre proposte, a partire dal Piano del Lavoro e dalla Carta dei diritti universali del lavoro – conclude Fracassi – rivendicano un aumento significativo degli investimenti pubblici e privati, dell’occupazione soprattutto giovanile e femminile, e dei salari lordi e netti”.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9903 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*