Manovra: le proposte di Sinistra Italiana

«La legge di bilancio del governo non modifica in nulla le linee di politica economica seguite negli ultimi anni, i cui risultati, nonostante la grancassa propagandistica dei media sono in realtà fallimentari. Cresciamo meno di tutti gli altri Paesi dell’eurozona e anche quella stentata crescita è dovuta a fattori esogeni e non alle politiche dei governi degli ultimi anni».

Lo afferma la capogruppo di Sinistra italiana al Senato Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

«Abbiamo presentato una serie di emendamenti che, se accolti, invertirebbero il corso della politica economica con il doppio obiettivo di rispondere alle esigenze di un popolo in profonda sofferenza e di rilanciare davvero l’economia», prosegue De Petris.

«Prima di tutto – spiega la capogruppo di Si – proponiamo un Piano triennale per il lavoro e gli investimenti pubblici, sostenuto dallo stanziamento di un fondo pari a un punto di Pil, quindi di circa 17 mld. Tra gli Gli obiettivi del Piano dovrebbero figurare il risanamento e la messa in sicurezza del territorio, un intervento radicale sulle periferie urbane, il sostegno all’occupazione femminile, il potenziamento del trasporto pubblico locale, il sostegno alle start up».

«Riteniamo che sia fondamentale avviare un grande progetto di rigenerazione delle periferie urbane a tutti i livelli e stanziare almeno 3 mld per fronteggiare l’emergenza costituita dal dissesto idrogeologico. Occorre sanare davvero la piaga del precariato nel mondo della scuola con un Piano pluriennale di assunzioni. Vanno inoltre rifinanziati il Fondo affitti e quello morosità involontaria», afferma poi la presidente De Petris.

«E’ infine urgentissimo rinviare fino a giugno, come chiesto dai sindacati, la delibera sull’aggancio dell’età pensionabile alle aspettative di vita, eliminare i superticket sul fronte della Sanità e rifinanziare il Servizio sanitario nazionale. Questa è la strada per cambiare marcia sul fronte della politica economica e rimettere al centro delle strategie di governo le esigenze reali delle persone», conclude De Petris.

PROPOSTE EMENDATIVE:

chiediamo

–       Un Piano per il lavoro, ossia un Piano triennale straordinario per il lavoro e gli investimenti pubblici nel Paese con la creazione di un fondo ad hoc di circa un punto di PIL l’anno (17 miliardi annui). Il Piano promuove il lavoro di qualità lungo un sentiero di sviluppo sostenibile, sociale e ambientale, con l’obiettivo di rilanciare gli investimenti pubblici per la manutenzione e la messa in sicurezza del territorio, il rischio sismico, il miglioramento delle periferie, la bonifica dei territori, il recupero di strutture pubbliche per un uso abitativo, sociale e/o produttivo, per l’efficienza energetica negli immobili della PA, il potenziamento del trasporto pubblico locale (soprattutto pendolarismo regionale e trasporto su ferro), la costruzione di asili nido, la messa in sicurezza degli edifici scolastici e la diffusione della banda larga e ultra larga nelle scuole, nonché per sostenere l’occupazione femminile, la nascita di start up e l’avvio di attività d’impresa under 35;

–       La rigenerazione delle periferie delle città legata ai caratteri ambientali e storico-culturali del territorio, alla sua identità, ai bisogni e alle istanze degli abitanti, con l’obiettivo di affrontare i problemi occupazionali, di degrado fisico e socio-economico in relazione alle specificità del contesto: in particolar modo promuoviamo un piano per la nuova occupazione e lo sviluppo sostenibile del territorio; il recupero, la ristrutturazione edilizia e la ristrutturazione urbanistica di immobili destinati alla residenza; la realizzazione, la manutenzione o l’adeguamento delle urbanizzazioni primarie e secondarie; l’eliminazione delle barriere architettoniche; il miglioramento dei servizi socio-assistenziali; il sostegno dell’istruzione e del contrasto all’analfabetismo funzionale e di ritorno; la rigenerazione ecologica; la conservazione, restauro, recupero e valorizzazione di beni culturali e paesaggistici; il recupero e riuso del patrimonio edilizio esistente per favorire l’insediamento di attività turistico-ricettive, culturali, commerciali e artigianali;

–       Nel pacchetto ambiente abbiamo proposto un Piano per il territorio di 3 miliardi e mezzo all’anno per 3 anni, per affrontare la grande emergenza del nostro Paese, il dissesto idrogeologico e la necessaria messa in sicurezza del territorio; interventi per la messa in sicurezza sismica e le bonifiche; un diverso utilizzo delle risorse del Fondo per gli investimenti di cui all’articolo 95: abbiamo posto delle richieste precise che lo vincolino al risanamento e alla manutenzione del territorio, nonché ai servizi pubblici, quote significative per il rischio sismico; abbiamo chiesto di aumentare in modo importante le risorse per il Piano INVASI, data la siccità di quest’anno; un costo minimo pe le emissioni di CO2 e la cosiddetta fiscalità riallocativa, che consentirebbe di muovere miliardi di euro dai sussidi ambientalmente dannosi dell’omonimo catalogo verso investimenti verdi; numerose disposizioni anche per favorire la mobilità sostenibile e per potenziare il trasporto pubblico, anche a favore dei pendolari;

–       Nel pacchetto scuola, università e ricerca abbiamo chiesto: un piano Pluriennale di assunzioni per la scuola che risolva davvero l’eterna sacca di precariato del mondo scolastico (per docenti, ATA), con proposte simili anche all’interno delle istituzioni AFAM; l’adeguamento degli scatti stipendiali dei docenti, avvicinandoci agli stipendi medi dei docenti degli altri Stati Europei; le stabilizzazioni per le sezioni primavera; l’assunzione di 8800 ulteriori ricercatori per gli enti pubblici di ricerca; inserimento dell’organico di potenziamento nella scuola dell’infanzia; l’aumento del tempo scuola nelle regioni del mezzogiorno per contrastare la dispersione scolastica; un Fondo di 1,5 di euro che consenta la gratuità delle mense delle scuole che adottano il tempo pieno, per superare la vergognosa situazione dei bambini che rimangono esclusi dal pasto o sono costretti a portarselo da casa; l’aumento dei fondi per il diritto allo studio;

–       Per il pacchetto Pensioni proponiamo: un rinvio a giugno, come chiesto dai sindacati, della delibera sull’aggancio all’aspettativa di vita; di differenziare l’aumento dell’età pensionabile in base alle categorie lavorative; di avere delle scadenze annuali e non triennali dell’adeguamento dell’età pensionabile all’aspettativa di vita; di abolire la previsione per cui alla diminuzione della speranza di vita non corrisponde un’analoga diminuzione dell’età pensionabile; di predisporre una lista di professioni esenti dall’aumento, nella quale includere tutti i lavori gravosi inclusi gli addetti alle catene di montaggio; una nona salvaguardia degli esodati, che riguarderebbe circa 6 mila lavoratori; la proroga di Opzione donna per il 2018;

–       Per quanto riguarda il pacchetto sanità: l’abolizione dei superticket e il rifinanziamento del Servizio sanitario nazionale; ma anche l’introduzione di una tassa sulle gassose zuccherate per contrastare l’obesità, soprattutto infantile;

–       Per il pacchetto casa: il rifinanziamento del Fondo affitti e del Fondo morosità involontaria; l’obbligatorietà del Fascicolo del fabbricato delle abitazioni; un Piano per il riuso di immobili pubblici inutilizzati;

–       Per il pacchetto Lavoro: un Bonus assunzioni condizionato che interviene sull’incentivo all’occupazione giovanile, stabilendo che chi beneficia del bonus contributivo del 50  per 36 mesi non possa licenziare il lavoratore per giustificato motivo oggetti nei 12 mesi successivi alla scadenza, pena la restituzione del beneficio; la stabilizzazione dei precari del corpo nazionale dei Vigili del fuoco; l’equo compenso per tutti i professionisti nei confronti della PA; la reintroduzione dell’articolo 18; l’aumento delle risorse del Fondo per l’occupazione;

–       Abbiamo poi chiesto una diversa modulazione della Web Tax  diversa da quella introdotta nella Manovrina, che assoggetti i loro redditi ad un’imposta del 3% calcolata sul totale del fatturato comunque realizzato sul territorio nazionale; abbiamo anche chiesto il giubileo dei debiti, per quanto riguarda i debiti in sofferenza (molti dei quali legati alle garanzie degli immobili): una sorta di condono bancario, che consenta ai debitori di far fronte al proprio debito in misura ridotta rispetto a quella proposta dalle agenzie di recupero crediti (pagando quindi il 20% del debito): le banche avrebbero così perdite inferiori e decine di migliaia di famiglie potrebbero tornare ad avere a disposizione casa e reddito; infine rifinanziamento del fondo politiche sociali per 300 milioni di euro.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9903 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*