Gestione rifiuti, da quelli urbani a quelli speciali: come si smaltiscono

Gestione rifiuti, da quelli urbani a quelli speciali: come si smaltiscono

La gestione dei rifiuti è uno dei campi più importanti in questo periodo storico, perché una gestione dei rifiuti fatta a dovere nel ciclo di  smaltimento farà
si che si ottenga il massimo nell’ambito del riciclo.
La procedura della gestione rifiuti passa dalla produzione, alla gestione, alla raccolta per finire alla destinazione finale che nella maggior parte delle volte
è quella del riciclo stesso.

Questi passaggi sono fondamentali per la stessa salute dell’uomo, visto che stoccare materiale pericoloso ad esempio vicino a fonti d’acqua potrebbe
causare l’inquinamento della falda causando effetti disastrosi.

Gestione rifiuti urbani, la spazzatura di tutti i giorni

Alla base della gestione rifiuti c’è proprio quella relativa ai rifiuti urbani che sono quelli che ogni famiglia produce e che giornalmente vengono smaltiti.
Di solito, nei paesi in cui si fa la raccolta differenziata, la gestione rifiuti urbana viene affidata ad aziende comunali che provvedono a destinare i rifiuti
già separati a monte dai cittadini, nelle varie aree di stoccaggio destinando il materiale alle ditte che riciclano il materiale per riutilizzarlo.

Gestione rifiuti speciali, come si identificano

Per quanto riguarda la gestione rifiuti speciali, lo smaltimento viene affidato a delle ditte specializzate e riconosciute che si occupano di smaltire quei
rifiuti che possono causare danni, che possono essere tossici o pericolosi per l’ambiente e per l’uomo.
Questo tipo di rifiuti viene classificato a seconda della sua pericolosità e di solito viene prodotto da aziende particolari come le aziende ospedaliere,
ma anche meccanici, industrie ma  anche gli stessi ristoranti con, ad esempio, gli oli da frittura.
Il codice rifiuto, viene chiamato CER e a seconda del numero, identifica la pericolositià. Per esempio il codice 01 si riferisce ai rifiuti da estrazione da miniera
e cava o il trattamento fisico o chimico dei minerali, il 20 invece viene associato ai rifiuti urbani e domestici.

Gestione rifiuti cosa dice la normativa

La legge dice che tutte le aziende che producono rifiuti speciali, (ricordiamo che anche i toner e le cartucce delle stampanti lo sono) devono avere dei rapporti
diretti con le ditte che si occupano di smaltimento rifiuti speciali. Queste aziende si occupano infatti della gestione rifiuti speciali e pensano non solo a
ritirarli ma anche e provvedere alla parte burocratica. Infatti una ditta deve avere un registro di carico e scarico per dimostrare che i prodotti che finiscono
nelle apposite aree di stoccaggio siano poi gestite nella maniera corretta e stoccate in appositi contenitori rifiuti speciali.

In caso contrario si ricorda che non solo le multe sono altissime ma è prevista anche la reclusione.

Informazioni su Emanuele Bompadre 10685 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Rifiuti ingombranti e RAEE, l' 11 novembre scarrabili a Parco Leonardo
  2. Sacchi per il compost gratis a Fiumicino, tutte le date

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*