Napoli: in Consiglio Comunale approvate le quattro delibere di variazione di bilancio

L’Aula ha iniziato l’esame degli atti iscritti all’ordine dei lavori, approvandone quattro con il voto contrario delle opposizioni, mentre un’altra delibera è stata ritirata
L’Aula ha quindi iniziato l’esame delle delibere all’ordine dei lavori, la delibera 409/2017, ratifica coi poteri del Consiglio, di variazione di bilancio relativa ai fondi Pac concernenti l’infanzia II riparto per la Terza Municipalità. L’assessora all’Istruzione Palmieri ne ha illustrato i contenuti, seguita dagli interventi dei consiglieri: Brambilla (Movimento 5 Stelle) che ha evidenziato problemi legati all’incompletezza dell’atto, privo di un cronoprogramma chiaro delle attività e di indicazione chiara dei motivi per i quali trascorrono mesi per la proposta al Consiglio rispetto all’adozione della Giunta, con annuncio di astensione esclusivamente per la critica alla modalità seguita, Moretto (Prima Napoli) per rimarcare la reiterazione di un modello che serve per rinviare al Consiglio una decisione nata da ritardi ed inefficienze degli uffici; Palmieri (Napoli Capitale) per rilevare che nella parte narrativa della delibera emergono inesattezze formali da correggere. L’assessora Palmieri nella replica ha concordato sulla necessità di un coordinamento, che è stato più volte richiesto, nella consapevolezza che non sia positivo che i dieci territori della città operino con tempi e modi diversi, ma il finanziamento, secondo l’interpretazione dell’Autorità di gestione, va diviso in dieci riparti, uno per Municipalità. La delibera è stata quindi approvata a maggioranza con il voto contrario di Forza Italia, Fratelli d’Italia, e l’astensione di Napoli Capitale, Napoli Popolare, Partito Democratico e Movimento 5 Stelle.
Sulla delibera 411/17 di ratifica di variazione di bilancio coi poteri del Consiglio per l’acquisto di beni strumentali a favore della Seconda Municipalità, illustrata dall’assessora Clemente, il consigliere Brambilla (Movimento 5 Stelle) ha evidenziato la mancanza di urgenza, trattandosi di delibera che fa riferimento ad atti adottati a giugno, e un errore di programmazione, perché la variazione andava inserita nella manovra di assestamento di luglio, con ritardi sui servizi forniti ai cittadini. Arienzo (Partito Democratico) per ricordare l’errore di non aver portato prima l’atto in Consiglio e la bocciatura di proprie proposte per dare maggiori fondi alle Municipalità. Moretto (Prima Napoli) sullo scollamento tra le varie articolazioni del Comune, Municipalità, Giunta, Consiglio e commissioni, causa di atti contraddittori e disservizi per i cittadini, Palmieri (Napoli Popolare) per sottolineare come l’atto sia derivato dal mancato ascolto delle istanze provenienti dalla Municipalità interessata. L’assessora Clemente ha ricordato l’ascolto alle istanze del territorio, con la necessità, rappresentata dall’atto di oggi, di andare incontro a specifiche indicazioni. L’atto è stato quindi approvato con l’astensione del Movimento 5 Stelle e di Prima Napoli.
Su proposta del consigliere Palmieri, è stata approvata l’inversione dell’ordine dei lavori per discutere del punto 8, la delibera 457/2017 di variazione del Peg della Seconda Municipalità. I consiglieri Brambilla e Palmieri hanno rilevato come il Consiglio sia incompetente sull’atto. La presidente della commissione Bilancio ha evidenziato che durante la seduta dedicata all’esame della delibera, il Ragioniere aveva evidenziato l’incompetenza del Consiglio. L’assessora Clemente ha poi ritirato l’atto.
La delibera successiva, la n. 437/2017 di ratifica di variazione di bilancio adottata coi poteri del Consiglio per l’applicazione di quote di avanzo vincolato per la fornitura di pubblicazioni librarie da destinare alle sedi di biblioteche comunali è stata illustrata dal vicesindaco Del Giudice. Sono intervenuti il consigliere Brambilla (Movimento 5 Stelle) che ha ricordato l’iter che dal 2011 è stato avviato per questa fornitura, con l’affidamento ad una ditta che poi nel 2013 ha rinunciato all’incarico, creando danni per la cittadinanza e comportando ulteriori ritardi che non spiegano l’urgenza che si evidenzia oggi; Moretto (Prima Napoli) ha ricordato che nel 2010 venne acceso un mutuo presso la Cassa Depositi e Prestiti per questa fornitura e per ulteriori interventi nelle biblioteche. Sarebbe utile capire se ci sono i pareri tecnici per poter attingere a questi fondi; Carfagna (Forza Italia) ha ricordato i contenuti dell’ articolo 42 del Tuel, evidenziando che non si ravvedono in questo, come in tutti gli altri casi all’ordine del giorno, effettivi caratteri di urgenza. Non cambiano le cattive prassi adottate dalla Giunta, che non tengono conto dei principi della pianificazione economico-finanziaria e della programmazione; Coccia (Napoli in Comune a Sinistra) ha ricordato il parere positivo alla delibera espresso in commissione Cultura, e che l’opposizione alla delibera comporterà solo la mancata fornitura dei libri ed il mancato rientro dei fondi vincolati. L’assessore alla Cultura Nino Daniele è intervenuto quindi per una replica, spiegando che questa delibera, grazie ad una complessa procedura, ha permesso di recuperare i fondi ottenuti con il mutuo, e consentirà di poter indire al più presto la gara per incrementare il patrimonio librario delle biblioteche municipali. Per questo sarebbe auspicabile un voto positivo dell’Aula.
Brambilla (Movimento 5 Stelle) è intervenuto per dichiarazione di voto, annunciando il voto contrario, e chiedendo il perché non si è scelto di affidare la fornitura alla seconda o terza ditta che aveva partecipato al bando, senza dover ricorrere alle procedure di urgenza: su questo è necessario assumersi precise responsabilità politiche e fornire risposte ai cittadini. Messa in votazione, la delibera è stata approvata a maggioranza, con il voto contrario del PD, Forza Italia, Movimento 5 Stelle, Moretto, Ulleto e Palmieri.
Il consigliere Guangi (Forza Italia) ha quindi chiesto la verifica del numero legale, constatato in 21 presenti. La discussione è proseguita, presieduta dal vice presidente Frezza, con la ratifica della delibera n. 442/2017 di ratifica coi poteri del Consiglio di variazione di bilancio per l’utilizzo di una somma in avanzo vincolato per lavori di manutenzione straordinaria e adeguamento normativo presso l’istituto comprensivo Minniti, plesso Loggetta nella Decima Municipalità. Dopo l’illustrazione dell’assessora Palmieri, sono intervenuti i consiglieri Brambilla (Movimento 5 Stelle) e Moretto (Prima Napoli) che hanno evidenziato una serie di perplessità rispetto all’atto, che sarebbe privo di una serie di elementi utili a definire la natura imprevista dei lavori eseguiti. L’assessora Palmieri, nella replica, ha respinto le osservazioni sollevate, richiamando come la valutazione della natura tecnico-gestionale dei lavori spetti esclusivamente al dirigente competente. Per dichiarazione di voto il consigliere Arienzo (Partito Democratico) ha sottolineato il ritardo con il quale la Giunta ha approvato la proposta, impedendo al Consiglio di esaminarla nella seduta di assestamento di bilancio, il consigliere Brambilla (Movimento 5 Stelle) per ribadire che i problemi riscontrati impediscono di votare a favore dell’atto e il consigliere Moretto (Prima Napoli) che ha sottolineato il parere non favorevole a causa delle imprecisioni dell’atto. La delibera è stata approvata a maggioranza col voto contrario delle opposizioni e del consigliere Troncone (gruppo Misto).

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10077 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*