Ravello for Africa

Dinanzi a tanta povertà, una povertà che spesso diventava miseria, non potevamo chiudere gli occhi, non era possibile far finta di niente. La Provvidenza ci ha aveva mandato in Burkina Faso e lì dovevamo rimanere”. La Fondazione Ravello fa sue le parole di don Silvio Longobardi, fondatore dell’Associazione Progetto Famiglia Cooperazione Onlus di Angri e per il secondo anno decide di devolvere l’incasso di uno dei concerti più prestigiosi in calendario a beneficio di una missione nell’Africa sub-sahariana.
Sarà il concerto di sabato 19 agosto, alle ore 20:00, condotto dal maestro Lahav Shanitalento emergente del panorama musicale internazionale, a diffondere le note di solidarietà creando un ponte che dal mare della Costa d’Amalfi attraversa il Mediterraneo e giunge fino in Burkina Faso. Sul palco del Ravello Festival (Belvedere di Villa Rufolo) la Rotterdams Philharmonisch Orkest che dal 2018 avrà come suo direttore principale proprio il giovane talento israeliano da poco anche primo direttore ospite dei Wiener Symphoniker. Dal 2013, anno nel quale ha vinto il primo premio al Concorso di direzione internazionale Gustav Mahler a Bamberg, Shani si è rapidamente affermato come uno dei più interessanti giovani talenti, suscitando un’impressione enorme per la sua maturità e la musicalità istintiva. Quello che propone a Ravello è un programma frizzante che si aprirà con Cuban Overture e Rhapsody in Blue di George Gershwin per poi passare alla Symphony n.2 di Kurt Weill e chiudere con Symphonic Dances from West Side Story di Leonard Bernstein. Nel 1957 West Side Story vinse solo due Tony Awards ma divenne un successo mondiale senza tempo dopo che il film di Robert Wise e Robbins vinse dieci premi Oscar.
L’incasso contribuirà ad implementare il progetto che finora ha visto la realizzazione di 35 pozzi, 3 scuole, un poliambulatorio e una casa per studentesse.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9860 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*