Feste Musicali Jacopee ® 2017, due concerti: sabato 22 luglio e lunedì 24 luglio

 

sabato 22 luglio, ore 19:00 Concerto “Labyrinthus”

Massimo Mercelli flauto

Gianluca Libertucci organo

Silvia De Palma voce recitante

musiche di Bach, G. Bassano, Colusso, Debussy, Nyman, Takemitsu

lunedì 24 luglio, ore 18:15 Vespri solenni concertati

presieduti da don Giuseppe Trappolini

musiche di Frescobaldi, Monteverdi, Victoria, gregoriano 

Cappella Musicale di San Giacomo

Maestro di cappella Flavio Colusso

Organista Gianluca Libertucci

Nella Basilica di San Giacomo in Augusta di Roma, in occasione della “Festa di san Giacomo”, protettore dei pellegrini, le Feste Musicali Jacopee propongono anche quest’anno Concerti spirituali, Messe, Vespri cantati realizzati da Musicaimmagine con l’organista Gianluca Libertucci e la Cappella Musicale di San Giacomo diretta da Flavio Colusso. 

Sabato 22 luglio alle ore 19:00, concerto Labyrinthus, meditazione sul simbolo del pellegrinaggio con la voce recitante di Silvia De Palma, Gianluca Libertucci all’organo e Massimo Mercelli al flauto. L’appuntamento di quest’anno, in cui ricorre il quinto centenario delle tesi luterane, offre l’occasione di sviluppare il senso ecumenico dell’incontro e quello fraterno dell’accoglienza, con testi tratti da Yunus Emre, Lutero, Pascal. In programma brani antichi e contemporanei come la Partita in La minore di Johann Sebastian Bach, le Ricercate passaggi et cadentiae (1585) di Giovanni Bassano – compositore veneziano del quale ricorre il IV centenario della morte,  Syrinx di Debussy, Adagio misterioso di Flavio Colusso, Air di Toru Takemitsu e due brani  dedicati allo stesso Mercelli da Michael Nyman.

Il concerto “Labyrinthus”, che ormai da anni coinvolge interpreti e partecipanti in un esercizio spirituale condotto dalla musica, è un appuntamento della Cappella Musicale di San Giacomo ispirato al tema del pellegrinaggio – racchiuso nel simbolo del Labirinto – del cammino inteso come combattimento spirituale, come viaggio che nei modi più diversi il viandante, il pellegrino, l’uomo comune compie dentro stesso; esperienza del corpo e dello spirito che si estende da sempre al concetto di accoglienza e di cura nel contesto degli antichi Hospitali.

Lunedì 24 luglio alle ore 18:15, Vespri solenni concertati con la Cappella Musicale di San Giacomo diretta da Flavio Colusso che esegue musiche di Frescobaldi, Monteverdi, Victoria, gregoriano. 

La storia della Cappella musicale di San Giacomo e del suo prezioso organo è antica, legata alla storia della Chiesa e dell’Ospedale di San Giacomo detto “degli incurabili”,  fondato nel 1339 e il cui importante ampliamento e ristrutturazione furono realizzati tra il 1592 e il 1600 dal cardinale Antonio Maria Salviati, ivi sepolto sotto l’altare maggiore. L’Ospedale e la chiesa di San Giacomo occupano un posto importante nella storia dell’umanità, qui trovarono la conferma della loro vocazione ed esercitarono il loro carisma, tra gli altri, tre grandi santi come Gaetano Thiene, Filippo Neri, Camillo de Lellis.

Contribuirono alla bellezza del luogo celebri artisti come Francesco Capriani da Volterra, Bartolomeo Grillo, Sangallo il giovane, Carlo Maderno, il Pomarancio, Pierre Legrot, e musicisti come Ruggero Giovannelli e Alessandro Scarlatti furono tra gli antichi Maestri di Cappella.

Significativo per il “cammino” culturale abbracciato dalla attuale istituzione musicale, diretta dal 1991 da Flavio Colusso, è il tema del pellegrinaggio racchiuso nel simbolo del Labirinto, del cammino vissuto come esperienza del corpo e dello spirito, che si estende da sempre al concetto di accoglienza e di cura dei viandanti e dei pellegrini nel contesto degli antichi Hospitali.

L’Ospedale di San Giacomo  è un luogo di eccezionali risonanze e memorie, è stato chiuso nel 2008  ma sono in molti a chiedere che venga presto riaperto al suo antico servizio. La musica, medicina dell’anima e del corpo, avvicina persone, luoghi, tempi, rende possibili armonie altrimenti “dissonanti” e la devozione jacopea ha ispirato fin dal Medioevo musicisti e poeti favorendo la formazione di un patrimonio in cui confluiscono diverse esperienze culturali europee.

Situata alla porta Nord della città, sulla frequentata via del Corso, quotidianamente visitata da migliaia di turisti e da cittadini provenienti da ogni parte di Roma, San Giacomo è un’oasi di pace nella frenesia del centro che offre ad un variegato pubblico un momento di fresco ristoro spirituale illuminato dalla musica, un prodotto culturale che è espressione di una qualità artistica non museale ma viva e che è parte viva del carisma del luogo e della sua storia, nel cuore culturale e spirituale di Roma.

(Visited 6 times, 1 visits today)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*