MotoGp, test Australia: Vinales domina il secondo giorno

Seconda giornata di prove australiane per la classe regina e il più veloce di giovedì 16 febbraio è Maverick Viñales. Il talento di Movistar Yamaha strappa il primato della classifica combinata a Marc Marquez che si ferma a circa 0,4s dal connazionale. Dietro al campione del mondo del team Repsol Honda, Cal Crutchlow (LCR Honda). Nella giornata del suo trentottesimo compleanno Valentino Rossi è ottavo.

 

La mattinata si apre con condizioni della pista ottime e, eccetto un vento di mare che aumenterà lievemente nel pomeriggio, il meteo è favorevole e quasi tutti i corridori hanno migliorato i loro tempi rispetto a ieri.

Viñales parte subito forte e sin dalle battute iniziali si mette al comando della tabella crono. Il box del numero 25 lavora tanto sviluppando le novità e dedicandosi anche ad un programma sul passo gara. Il numero 25 mette a referto il tempo di 1:28.846s nella mattinata ed è il primo e l’unico a scendere l’1:29s. Sarà il crono che comanderà le prove. Viñales proverà anche a migliorarsi appena prima della bandiera a scacchi senza successo.

Ma il team Repsol Honda e Marquez, migliore del giorno di apertura, sono decisi a mantenere il primato e la sfida tra connazionali è avvincente. La squadra HRC prova nuove soluzioni sul l’elettronica relazionata al nuovo motore ma alla fine il numero 93 resterà secondo.

Preoccupazione per Dani Pedrosa colpito da un attacco influenzale. Le condizioni fisiche precarie lo rilegano nei bassi fondi della classifica tempi, una giornata in salita per il secondo pilota del box HRC.

Bene anche oggi, dopo il tempo da top 5 di ieri, Cal Crutchlow che segna il terzo miglior tempo. Tanto lavoro per gli uomini LCR e una RC213V evoluzione 2017 che sembra avere il passo giusto per una bella stagione. Sulla Honda satellite numero 35 sono state provate nuove gomme e si è lavorato sull’elettronica.

Se il talento catalano di Yamaha oggi è l’uomo del precampionato 2017, l’altra parte del box Movistar, quella di Rossi, è impegnata a dare al nove volte campione del mondo una moto quasi perfetta. Per Valentino la giornata del suo trentottesimo compleanno è speciale; un traguardo straordinario per la leggenda motociclistica italiana che oggi come ventuno anni fa è tra i migliori della classe regina. Il Dottore segna l’ottavo tempo lavorando sul set-up e provando vari tipi di gomme. La distanza dal compagno di box è 0,8s

Al contrario del primo giorno Alvaro Bautista non è stato vittima di cadute e mette la sua GP16 del team Pull&Bear Aspar ancora una volta vicino ai migliori. Chiuderà la giornata come quarto e miglior pilota sulla moto italiana precedendo Andrea Dovizioso, portacolori del team ufficiale Ducati. Il suo box ha tentato di risolvere alcuni problemi cercando il miglior comportamento dell’anteriore in ingresso di curva.

Dovizioso mette a referto il quinto miglior tempo a 0,636s dalla vetta. La squadra del numero 4 lavora sull’equilibrio se sul set-up per migliorare soprattutto il comportamento dell’anteriore oggi senza appendici aereodinamiche.

Jorge Lorenzo (Ducati Team) continua con la grande mole di lavoro sulla sua GP17. Il maiorchino mette a referto 32 giri, restando in pista come unico big durante l’ora di pranzo. Il suo impegno è tanto ma i tempi resteranno alti e chiuderà la seconda giornata a 1,3s dalla vetta.

Andrea Iannone a differenza di ieri non riesce a migliorarsi nelle battute finali. È dodicesimo in tabella tempi ma il lavoro del team Suzuki Ecstar prosegue nella creazione dei un prototipo da vertice. Sulla GSX-RR adesso si fa più un’opera di limatura e il grosso è sul test di diversi particolari. Tra questi, a disposizione del team di Hamamatsu, anche delle nuove carene usate nella fase conclusive dei test con un innovativo disegno aereodinamico e aperte sotto il manubrio. Alex Rins, numero 42 Suzuki, è al giro di boa di questo esordio nella massima serie; un buon secondo giorno di test il suo, con il nono miglior tempo a meno di un secondo da Viñales.

Per Aleix Espargaro i test di questo inizio stagione stanno portando delle ottime conferme. Il pilota Aprilia Gresini è il sesto migliore della classifica crono. La RS-GP è in grande crescita e novità di questo 2017 è una maggior potenza unita ad una migliore trazione, inoltre, sulla moto di Espargaro sono state provate delle nuove carene. Anche il box di Sam Lowes ha lavorato a fondo soprattutto sugli assetti.

Un altro esordiente nella massima categoria sta continuando in modo positivo il suo apprendistato. Jonas Folger, ieri vicino ai piloti di testa oggi chiude con il settimo miglior crono e tanto lavoro sulla M1 Monster. Il compagno di box Johann Zarco invece sarà più attardato fermandosi a circa un secondo della vetta e di poco fuori dalla top ten.

Ottimo ieri, sesto, e oggi impegnato in un lavoro più di perfezionamento Danilo Petrucci. Il portacolori Octo Pramac Racing chiude al quattordicesimo posto dopo l’impegno in parallelo sulle sue due GP17 con un primo approccio positivo. Alla prese con qualche problema, Petrucci si è concentrato oggi sulle lunghe percorrenze.

Per il box KTM, ieri al lavoro sul telaio, il lavoro della giornata è stato sull’elettronica. Mentre per il team Estrella Galicia 0,0 MarcVDS il giovedì è servito per aumentare i giri e migliorare il passo.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10116 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*