Le vittime di gravi incidenti stradali scrivono a Mattarella

2 giugno



“Per noi, le nostre famiglie e perché simili ingiustizie non si verifichino ancora, abbiamo deciso di scrivere una lettera al Capo dello Stato per portarlo a conoscenza della nostra situazione. Se è vero che siamo vittime di incidenti stradali è anche vero che siamo vittime incolpevoli di un sistema, quello delle Compagnie Assicuratrici ramo RCA, che non tutelano i nostri diritti bensì molto spesso li calpestano.

Risarcimento congruo

Se a noi e i nostri familiari non viene riconosciuto un risarcimento congruo e motivato come previsto dalla legge, la nostra situazione, già duramente compromessa, è destinata a peggiorare”. Così il gruppo di macrolesi, rappresentato dalla Gerbi Group S.p.A, che ha sottoscritto la lettera inviata al Presidente Mattarella pubblicata su alcuni dei principali quotidiani nazionali.  “Il giorno 23 giugno, lo studio che ci rappresenta, ha inviato una Pec agli uffici di IVASS, con la quale segnalando la manifestazione in questione, abbiamo rappresentato la nostra disponibilità a partecipare ad un incontro con l’Istituto. Al momento, però, non abbiamo ricevuto alcuna risposta”.   “La nostra vita è fatta di disagi, di umiliazioni, di rinunce, di un futuro spezzato e non per nostra volontà. Abbiamo indirizzato questa lettera al Presidente Mattarella perché massimo garante della nostra Costituzione e dei principi in essa contenuti”.

Fonte: agenzia dire

var url311133 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=311133”;
var snippet311133 = httpGetSync(url311133);
document.write(snippet311133);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar photo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 24765 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.