Di Battista: “Un male della politica è anche la pavidità”

di battista



Così Alessandro Di Battista sulla sua pagina Facebook:

La guerra va avanti insomma. L’Ucraina rivuole la Crimea, Putin si rafforza internamente (l’83% dei russi sta dalla parte di Putin secondo il Centro indipendente sondaggi Levada) e il fantomatico crollo dell’economia russa causa sanzioni non c’è stato, gli USA vendono armi ed estraggono gas liquido e petrolio fregandosi le mani per l’aumento dei prezzi.

Piangono Europa e Africa

Piange solo l’Europa, un continente bello ed inutile, diviso (nonostante la propaganda occidentale dica il contrario), debole politicamente, impoverito economicamente. Piange anche l’Africa. Da quelle parti sono abituati a piangere ma piangono ancor di più visti i rincari (causa sanzioni) di grano, cereali e fertilizzanti. I migranti si moltiplicheranno. Prima si fuggiva dalle guerre, ora si fugge dalle guerre, dai cambiamenti climatici e dagli effetti delle sanzioni. L’ho detto il primo giorno di guerra. Ho detto che le sanzioni avrebbero rafforzato Putin ed indebolito l’Europa. Ho detto che una guerra lunga sarebbe stata una tragedia (in primis per l’Ucraina ovviamente) per il nostro continente. Ora, poco a poco, lo dicono tutti anche se nessun politico osa contravvenire agli ordini di Biden.
Berlusconi, evidentemente in un momento di lucidità, ha detto: “Siamo in guerra anche noi perché gli mandiamo le armi, adesso dopo le armi leggere mi hanno detto che gli mandiamo carri armati e cannoni pesanti, lasciamo perdere. Cosa significa tutto questo? Che avremmo dei forti ritorni dalle sanzioni sulla nostra economia e ci saranno danni ancora più gravi in Africa e allora è possibile che si formino delle ondate di profughi e questo è un pericolo derivante dalla guerra in Ucraina”.

Interessi divergenti

De Benedetti (che nessuno ha il fegato di definire “putiniano”) alcuni giorni fa ha dichiarato: “Gli interessi degli Stati Uniti d’America da un lato e del Regno Unito da una parte, e dell’Europa e in particolare dell’Italia dall’altra, divergono assolutamente. Se Biden vuol fare la guerra alla Russia tramite l’Ucraina è affar suo. Noi non possiamo e non dobbiamo seguirlo”. Traduzione? C’è una guerra per procura. Ma non lo dite a Letta che poi Letta si incazza.
Lucio Caracciolo, un paio di giorni fa ha detto: “Stanno venendo al pettine i nodi delle sanzioni che sono state volute soprattutto dagli americani per dividere gli europei dai russi”. Ma come. Le meravigliose sanzioni non dovevano servire a far crollare l’economia russa provocando manifestazioni oceaniche in Piazza Rossa per chiedere a Putin le dimissioni? Mi sarò perso qualche cosa. Intanto la benzina (servito) sta a 1.96 euro al litro. Ma che sarà mai. Qualche settimana fa stava a 2.23.

Pavidità

Il male della politica è la pavidità (oltre alla corruzione economica ed intellettuale). Quello degli italiani si chiama fatalismo. Accettiamo, come fosse un fatto, le bollette alle stelle, costi osceni dei farmaci per bambini (in Francia dove gli stipendi sono mediamente più alti dei nostri tutto quel che riguarda i figli costa meno). Accettiamo asili nido carenti o costosissimi (a volte se ne va per il nido oltre il 50% dello stipendio di un genitore) ed accettiamo 14 miliardi in più di spesa per la difesa (soprattutto armi) quando per le università il governo investe 7 miliardi di euro all’anno.
Poi sentiamo i politici lamentarsi della fuga dei giovani o delle famiglie che non possono (non si tratta di volontà ma di impossibilità) fare figli. Nel 2050 (dati Istat) potremmo avere 5 milioni di italiani in meno vista la crisi della natalità. Una popolazione sempre più anziana, armata e meno amata. Complimenti!

var url279824 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=279824”;
var snippet279824 = httpGetSync(url279824);
document.write(snippet279824);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23725 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.