Crisi Turismo, Virginia Raggi: “Il Governo intervenga, arrivato il momento di riaprire il Paese”

crisi turismo



“Il dramma quotidiano del settore turistico e ricettivo è stato perfettamente descritto nel grido d’allarme lanciato nei giorni scorsi dal presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca.
La crisi rischia di provocare un contraccolpo durissimo a 500mila lavoratori e, di conseguenza, alle loro famiglie. Le grandi città, che nel 2019 rappresentavano un quinto delle presenze turistiche registrate in Italia, hanno subito un crollo del 71% nel 2021.

Di fronte a questi dati

Di fronte a questi dati, facendo mio l’appello del rappresentante della categoria, chiedo al Governo di intervenire con urgenza per sostenere il settore con gli ammortizzatori sociali, rivedendo il rigido sistema di restrizioni che, di fatto, sta penalizzando i nostri lavoratori a favore della concorrenza estera. La richiesta del ‘super green pass’ sta spingendo centinaia di migliaia di turisti a scegliere altre mete europee, come la Spagna ad esempio, e ciò, di conseguenza, sta mettendo in ginocchio tutto il settore, già gravemente provato.

Durante il lockdown e nel pieno della pandemia, mi sono impegnata in prima persona, da Sindaca, per tutelare la popolazione con tutti i necessari provvedimenti restrittivi, anche subendo attacchi e critiche da parte di chi sosteneva che, invece, non si doveva chiudere.
Ora credo sia arrivato davvero il momento di riaprire il Paese, mettendoci al passo con il resto d‘Europa”.

Così, in una nota, la consigliera dell’Assemblea Capitolina ed ex Sindaca di Roma Virginia Raggi.

 


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 15736 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.