Cenone di Capodanno, Pregliasco: “Importante tenere la mascherina e se possibile fare il tampone”

pregliasco



“Per il cenone di Capodanno dobbiamo avere tutti un grande buonsenso, tenere il più possibile la mascherina ed evitare eccessivi assembramenti, soprattutto in presenza di parenti fragili, e se si riesce sarebbe meglio fare il tampone”. Lo ha dichiarato in un’intervista a iNews24 il direttore sanitario dell’Irccs Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano, Fabrizio Pregliasco, che ha poi proseguito: “Fino a questo momento il sistema sanitario sta tenendo, per quanto inizi ad essere in affanno e a subire una certa pressione. Credo che purtroppo dovremo aspettarci ancora un ulteriore incremento almeno fino a dopo le festività, perché  tra i vari viaggi, baci, abbracci e la riapertura delle scuole, probabilmente raggiungeremo il picco della diffusione  e arriveremo ben oltre i 100mila contagi”.

Sulla variante Omicron, Pregliasco ha poi spiegato

“Anche se la variante Omicron al momento sta facendo registrare casi meno gravi o lievi soprattutto nei vaccinati, la situazione potrebbe comunque essere impegnativa e necessitare una grande attenzione e responsabilità da parte di tutti, oltre ad altri interventi mirati come quello del lockdown per i non vaccinati”.

Sull’abolizione della quarantena per i vaccinati in caso di contatto con un positivo, Pregliasco ha poi concluso

“Si tratta di un compromesso tra un certo livello di rischio e la necessità di non bloccare il Paese, d’altronde è molto difficile riuscire a stare al passo con una malattia cosi diffusiva.  È chiaro che stiamo parlando di un allargamento delle maglie e quindi è assolutamente necessario rilanciare un’esigenza di responsabilità da parte di tutti”

LINK ALL’ARTICOLO


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.