Pap, tolleranza zero verso il neofascismo

roma



L’attacco squadrista cui si è assistito  a Roma è un atto gravissimo contro il quale bisogna reagire.

Alla CGIL va la nostra solidarietà, pur nel disaccordo profondo con le scelte di questi anni dell’organizzazione.

L’incredibile spazio d’azione lasciato alle formazioni nazifasciste come Forza Nuova conferma ancora una volta il ruolo strumentale dei fascisti, da sempre massa di manovra per i governi quando hanno urgente bisogno di delegittimare qualsiasi possibile opposizione.

Facciamo notare che il Ministero degli Interni ha consentito ai fascisti un incredibile campo libero di azione mentre, da anni, qualsivoglia mobilitazione dell’opposizione sociale o del sindacalismo conflittuale viene vivisezionata da Polizia e Carabinieri attraverso un asfissiante controllo prima, durante e dopo ogni manifestazione.

Disegno del Governo

Ora che da diversi settori del mondo del lavoro e dal sindacalismo conflittuale sta iniziando a profilarsi una risposta organizzata allo sblocco dei licenziamenti, agli omicidi sui luoghi di lavoro, alle delocalizzazioni senza freni, il salto di qualità consumato a Roma, con l’attacco squadrista alla sede della Cgil favorisce in realtà il disegno del Governo per blindare il proprio operato, anche in vista di riforme imminenti e che colpiranno gli interessi delle classi popolari del nostro Paese a favore di una minoranza di privilegiati.

Non ci faremo intimidire da queste operazioni di fronte alle quali la storia d’Italia ci fornisce i giusti anticorpi da mettere, di nuovo, in campo nei posti di lavoro, nei territori e nell’intera società.

Non faremo un passo indietro e costruiremo l’opposizione necessaria ai piani dell’Esecutivo e a qualsiasi tentativo di opacizzare, sporcare e inquinare il conflitto nel nostro paese.

Da subito scendiamo in piazza per dimostrare la nostra solidarietà verso chi subisce questi attacchi e ogni tipo di provocazione. A partire da domattina a Roma dinanzi alla sede della CGIL.

Sciopero generale

Inoltre, lo Sciopero Generale promosso da tutte le sigle del sindacalismo conflittuale per lunedì 11 ottobre è occasione chiave per rilanciare la lotta e serrare le fila di tutti coloro che stanno subendo i costi antisociali della cosiddetta “fase di uscita dalla Pandemia”.

Le organizzazioni neofasciste, Forza Nuova, Casapound e compagnia vanno messe fuorilegge e ogni complicità politica ed istituzionale con fascismo e razzismo va colpita. Non bastano i comunicati di solidarietà: se il fascismo è crimine va trattato come tale e messo al bando.

In tutte le prossime mobilitazioni, a partire dallo sciopero generale dell’11 ottobre, riaffermeremo l’antifascismo come base e discrimine della nostra democrazia e della costruzione di un futuro migliore per il nostro Paese.

var url203520 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=203520”;
var snippet203520 = httpGetSync(url203520);
document.write(snippet203520);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22651 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.