6 mesi con i migliori: a peggiorare le cose…

migliori



Il governo dei migliori capitanati dall’unto da Bruxelles compie oggi 6 mesi. 180 giorni che hanno già prodotto risultati lusinghieri per chi ha idee simili a quelle di Carlo Bonomi, presidente di Confindustria.

Elenchiamo alcuni dei primi traguardi raggiunti dal governo più bello, competente, maestoso, immenso, professionale e universale dalla notte dei tempi repubblicani.

I grandi risultati

Questione lavoro? Licenziamenti sbloccati.

Caro vita? Le bollette sono aumentate.

Emergenza immigrazione? Rifinanziata la guardia costiera libica.

Problema scuola? Nulla è cambiato.

Università? Sempre più cara e capriccio di ricchi in attesa di sistemazione.

Programmazione grandi opere? Il ponte sullo stretto ritorna di moda.

Lotta all’evasione? Cashback sospeso e senso d’impunità ai massimi storici.

Transizione ecologica? Tra trivelle e prevenzione degli incendi il quadro è chiaro mentre a Siracusa si raggiungono i 48 gradi.

Lotta all’omotransfobia? Ddl Zan rinviato.

Conflitto d’interessi? Scomparso dall’agenda politica

Questione meridionale? Invece di destinare il 70% delle risorse del Recovery Plan così come indicato dall’UE, al meridione a stento arriverà il 34% più qualche mancia già spettante al Sud prelevata dai fondi per la coesione (ossia denaro già spettante al Sud!), compresi fondi già previsti.

L’ingiusta giustizia? Evviva la riforma Cartabia che, a parer di chi vi scrive, salvaguarderà solo i ladri.

Salario minimo? Chiedetelo ai quei comuni che hanno fatto bandi per chiedere di lavorare per loro gratis…

Ristori pandemia e vaccini? Capolavoro green pass.

Questione etica/politica? Ho perso il conto dei condannati azionisti in parlamento della grande orgia al servizio della patria.

Lavora per noi

Il bello è che queste brutture sono solo l’antipasto. Mentre ci distraiamo tra successi agli Europei e alle Olimpiadi, LUI, l’unto, il figliol prodigo che condannò milioni di greci alla fame non va in vacanza e lavora per noi. Sì, per noi!

Ossia lavora per come rendere noi ancora più precari, poveri e disagiati.

Certo a leggere la maggioranza della stampa o ad ascoltare la quasi totalità dei Tg, c’è una grande ripresa.

A dire il vero la ricchezza è aumentata ed anche di tanto. Un conto è, però, la produzione della ricchezza un altro è la distribuzione della stessa.

Il problema è che non solo è sempre più ad appannaggio di pochi super ricchi, ma manca la distribuzione della ricchezza in assoluta violazione dei principi costituzionali previsti dagli articoli 3, 31, 32, 33, 34, 41, 42, 43, 44, 45, 47 e 53.

Insomma i migliori ma a fare danni a chi non è ricco, non ha santi in paradiso, non ha rendite, non evade, vive onestamente, cerca di lavorare per vivere, ha una coscienza civile.

Rosa o nero?

Vabbè, qualcuno mi dirà che Il Tabloid è una delle poche testate che vede nero non come quelle che vedono rosa e che dicono che tutto va bene e che, anzi, “loro” sono il meglio al quale poter aspirare (caspita Di Costanzo, sei incontentabile è ritornata anche la Fornero).

Sarà, ma toglietemi una curiosità: sono il solo a vedere certe schifezze?

Gli elogi di alcuni colleghi, non ne abbiano a male, mi sembrano solo una grande presa per il culo, proprio come certe facce che sono ritornate nella stanza dei bottoni.

Con il massimo rispetto parlando si intende: anche in questo “loro” sono sempre i migliori…

var url192898 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=192898”;
var snippet192898 = httpGetSync(url192898);
document.write(snippet192898);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22095 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.