Collot: “Basta omicidi sul lavoro!”

governo



Così Marta Collot, portavoce nazionale di Potere al Popolo, sulla sua pagina Facebook:

Oggi in Puglia un operaio di 47 anni è morto in un cantiere, schiacciato da una lastra di calcestruzzo.
Basta parlare di “tragici incidenti”.
Questa è una vera e propria strage silenziosa che avviene quotidianamente sui posti di lavoro. Solo pochi giorni fa è uscita la notizia che Laila, operaia morta a Modena avesse segnalato i difetti della macchina che l’ha uccisa, così come Luana e tante e tanti altri: non sono casi isolati ma il frutto di un sistema che per tutelare i profitti sacrifica la vita di migliaia di lavoratori e lavoratrici.

Caporalato

Non stupisce infatti che dagli ultimi controlli fatti dall’ispettorato del lavoro sul caporalato, da nord a sud la condizione che emerge è la stessa: a Milano 18 imprese della logistica con almeno 200 dipendenti sono irregolari, a Napoli 12 aziende turistiche su 19 assumono in nero.
Questa è la condizione del mondo del lavoro in Italia: sfruttamento e nessuna tutela. E come risponde a tutto questo il governo dei “migliori”? Sbloccando i licenziamenti e liberalizzando ancora di più il Codice degli Appalti.
A questa barbarie, a questo massacro quotidiano dobbiamo opporci con tutte le nostre forze!

[smiling_video id=”192269″]

var url192269 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=192269”;
var snippet192269 = httpGetSync(url192269);
document.write(snippet192269);

[/smiling_video]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Collot: "Basta omicidi sul lavoro!"

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 28043 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.