Articolo Uno, Rai: “Quella dell’azienda è una riforma che gira a vuoto”

rai
rai



Quanto sia urticante e spinoso il caso Rai soprattutto dalle parti di Palazzo Chigi, che la riforma Renzi ha inopinatamente delegato alle nomine dei vertici di viale Mazzini, lo dice chiaramente l’atteggiamento temporeggiante del Presidente Draghi. Se qualcuno pensava che il decisionismo, sia pure felpato, del nostro Premier avrebbe tirato fuori dal cilindro il nome del prossimo Ad, probabilmente si sbagliava. Anche se ci risulta difficile credere che Mario Draghi per storia e per carattere, difficilmente possa rinunciare a mettere a capo della Rai personalità competenti e indipendenti.

Negli ultimi decenni le riforme Gasparri prima, e Renzi dopo, sono andate in direzione contraria rispetto a quel che sembrava suggerire il buon senso: alleggerire la morsa della politica sulle scelte aziendali. Tutti hanno predicato bene, ma quelli più svelti e spregiudicati hanno razzolato male.

Buone intenzioni

Così da generare nell’opinione pubblica l’idea che buone intenzioni e gestione del potere, divergessero in maniera radicale e anzi, fossero inconciliabili.

Adesso che invece sembra affacciarsi all’orizzonte una nuova consapevolezza di quanto sia necessario riformare il sistema, i tempi non ci sono più, e così le proposte di modifica delle governance attualmente al Senato non potranno nemmeno essere discusse, figuriamoci approvate prima della nuova governance.

Col risultato che il vertice a giugno andrà rinnovato con le vecchie regole che prevederanno inevitabilmente la destituzione di alcuni direttori e la loro sostituzione con altri di diversa provenienza, tutti scelti con il bilancino.  Salvo poi, se succedesse un miracolo parlamentare e nel giro di un anno si dovesse approvare un diverso assetto aziendale, riazzerare tutto e ricominciare daccapo. Sarebbe l’ennesimo stress di un sistema già reso fragile da decenni di decisioni sbagliate.

Altrettanto difficile ci sembra la possibilità di correggere una disparità di rapporto tra destra e sinistra all’interno dell’azienda. Nei decenni la destra ha conquistato posizioni da primato, mantenute sia quando era al governo, con il Conte uno, che quando era all’opposizione con il Conte Due e adesso con il Draghi uno. E tutto fa pensare che al prossimo giro di nomine chiederà una correzione al rialzo, ancora nell’indifferenza del centrosinistra che non riesce ad avere una visione complessiva dei rapporti di forza.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22316 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.