Firenze, città amica delle api

api



Al piazzale Michelangelo sono in corso i lavori per  un’installazione verde: su una superficie di oltre 600 metri quadrati verrà rappresentato un giglio composto da quattromila fiori con un’ape gialla e nera e la scritta ‘Bee The Change’; l’installazione sarà finanziata da Aboca, azienda impegnata nella produzione di articoli per la cura della salute con sostanze ricavate da coltivazioni biologiche.

Biodiversità

Accompagnerà l’installazione anche un pacchetto di misure per difendere la biodiversità nel contesto urbano e tutelare un insetto essenziale per l’ambiente come l’ape: la piantagione della facelia nelle rotonde cittadine, la distribuzione dei semi di facelia da parte delle Farmacie Fiorentine Afam e l’avvio del concorso per i balconi fioriti ‘Fiori a fiorenza’.

Le api e il settore dell’apicoltura sono fondamentali non solo dal punto di vista produttivo ma anche da quello ambientale per tutelare la biodiversità. Il settore dell’apicoltura, che  conta in Toscana più di 5000 apicoltori e 93.000 alveari, è in forte sofferenza a causa dei cambiamenti climatici che provocano sempre più spesso eventi meteorologici estremi e sfasamenti stagionali, proprio come quelli che stiamo vivendo in questi giorni di freddo primaverile, e che condizionano negativamente  alveari e  fioriture,  spesso insufficienti a garantire la produttività e il sostentamento delle api.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Firenze, città amica delle api

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 28527 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.