Valle Aurelia, identificato dalla Polizia l’autore dell’aggressione del 26 febbraio

polizia



E’ stato identificato e denunciato dalla Polizia di Stato per lesioni aggravate l’uomo che, il 26 febbraio scorso, aveva aggredito una coppia all’interno della stazione metro fermata Valle Aurelia: romano di 31 anni, con precedenti di polizia.

La denuncia

Il 3 marzo scorso, acquisita la denuncia da parte delle vittime, gli agenti del XIII Distretto Aurelio, diretto da Alessandro Gullo, da subito hanno avviato le indagini richiedendo, nella circostanza, le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza presenti all’interno della stazione.

Il 21 marzo il video dell’aggressione, girato da un amico della vittima, è apparso su alcuni social e siti on line.

Le indagini

In considerazione del risalto mediatico della vicenda, l’aggressore presente in quel video, è stato riconosciuto dagli agenti della Polaria di Venezia, che con acume investigativo, si sono ricordati di averlo identificato proprio il 26 febbraio scorso all’interno dell’aeroporto a causa di un diverbio che lo stesso aveva avuto con una signora. Come successivamente accertato, l’uomo che lavora a Jesolo, si era recato all’aeroporto da dove si sarebbe imbarcato per giungere nella capitale.

A causa della lite però, aveva perso il volo ed era stato costretto a raggiungere Roma con un treno. Alle 17.05 infatti l’uomo risulta essere stato controllato nuovamente dagli agenti della Polfer di Mestre Venezia da dove ha preso un treno diretto a Roma. Alle ore 21.25 dalla stazione Termini è salito in metro ed ha raggiunto la fermata Valle Aurelia dove, poco prima delle 22.00 c’è stata l’aggressione alla coppia. Da lì salito su un altro treno si è diretto ad Anguillara dove vive con i genitori.

L’arresto

A quel punto gli investigatori del XIII Distretto Aurelio, acquisite le informazioni da parte dei colleghi dell’aeroporto, ieri sera si sono recati presso l’abitazione dei genitori i quali hanno riferito che il figlio sarebbe ripartito alcuni giorni prima per Jesolo. Ottenuta l’autorizzazione dal P.M. per la localizzazione del telefono cellulare tale circostanza è stata confermata.

Interessati gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Jesolo, questi si sono attivati per la ricerca dell’uomo e, grazie alle indicazioni dei colleghi del XIII Distretto Aurelio, che stavano monitorando i movimenti dell’uomo proprio attraverso il telefono cellulare, hanno potuto rintracciarlo mentre era in giro per la città.

Dopo averlo fotosegnalato, i poliziotti hanno provveduto ad inviare ai colleghi del Distretto alcune foto per procedere all’individuazione fotografica da parte dei denuncianti. Individuazione che oggi ha confermato le responsabilità del 31enne, riconosciuto dalle vittime.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Samantha Lombardi 6322 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.