Civitavecchia, forza un portone dell’ATER e aggredisce dei poliziotti

Targa polizia



Nella serata di domenica 7 marzo, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Civitavecchia, hanno proceduto all’arresto di un cittadino italiano, F.G. di 28 anni, per resistenza, minacce e lesioni a Pubblico Ufficiale.

I fatti

Poco dopo le 18, alcuni cittadini, residenti nei palazzi dell’ATER, in via Veneto, hanno chiesto l’intervento delle Forze dell’Ordine, chiamando il numero di emergenza 113 e segnalando la presenza di un uomo a torso nudo che, poco prima, colpendolo violentemente con calci e pugni aveva forzato il portone dello stabile.

Una volta all’interno dell’edificio, l’uomo, urlando, ha continuato a sferrare colpi contro le porte dei singoli appartamenti, danneggiandole a calci e pugni.

L’intervento della Polizia

Al loro arrivo, gli agenti delle volanti, hanno trovato il 28enne per strada, in evidente stato di agitazione, ancora nudo e con le braccia e le mani sporche di sangue per le ferite riportate nel colpire i portoni.

Alla vista dei poliziotti, il giovane, in escandescenza si scagliava contro di loro con insulti e minacce, sferrando calci e pugni all’indirizzo di uno degli operatori prima di riuscire a fuggire nel vicino parco di via Veneto.

L’uomo è stato immediatamente raggiunto ma prima di essere bloccato è riuscito a colpire gli agenti.

Due di loro hanno riportato ferite, ritenute guaribili in un paio di giorni.

Sul posto è intervenuto anche personale della Polizia Scientifica del Commissariato di viale della Vittoria e, a seguito del sopralluogo il 28enne, con precedenti di polizia, è stato anche  denunciato per danneggiamento aggravato.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.