Scanzi: “Caro Carlo, hai vinto anche se resti al 3% o giù di lì. Piano con le seghe”

scanzi



Così Andrea Scanzi sulla sua pagina Facebook:

Calenda è l’unico politico che può davvero esultare (altro che “Renzi vincente”. Quello al massimo ha vinto la Coppa Tiodianotutti Tranne Il Poro Asciugamano).
Calenda voleva la Grande Ammucchiata Draghi Version, con tutti dentro tranne Meloni, e l’ha ottenuta.
Ha fatto opposizione (quasi sempre) costruttiva e dal suo punto di vista ha vinto. Che poi io lo condivida o meno, adesso, è irrilevante. Sarà probabilmente ministro, e spero che si rivelerà un buon ministro.

Calenda mi sta simpatico

È un cazzone (lo dico con affetto), si arrabbia per niente e si calma un secondo dopo. Vende tanto in libreria, ma meno di me (quindi posso prenderlo in giro su whatsapp quando escono le classifiche). È autoironico e fumantino, parla sempre come se avesse il 60% e crede davvero che il governo Renzi sia stato una bella cosa (dunque ha pure molta fantasia).
Ha però un grosso limite: non ha il senso della misura. Ora che ha ottenuto quello che voleva, dovrebbe saper “rallentare” e uscire dalla modalità Io Sono Stocazzo. Beninteso, è un limite che ho anch’io. Per questo la mia critica è particolarmente centrata: conosco la materia. E Carlo lo sa bene.

Di cosa parlo?

Ieri, in pieno trip da Marchese del Grillo (non Beppe), Calenda ha recitato a Otto e Mezzo la parte del Churchill ipotetico. Era tutto merito suo e aveva fatti tutto lui. Dispensava medaglie e ministeri. Sembrava Pippo Baudo quando diceva “questo l’ho scoperto io”.
A un certo punto è arrivato a negare che i soldi del Recovery Fund siano arrivati (anzi arriveranno) grazie anzitutto a Conte e poi Gualtieri e Amendola. Poteva riconoscerlo, anche perché è un dato fattuale. E invece no: per Calenda non era stato Conte, ma (verosimilmente) Calenda stesso. Quei soldi li aveva ottenuti qualcun altro. Forse era stato proprio lui, magari in sogno o dopo un trip allucinogeno a base di abbacchi e amatriciane come se piovessero.
Una disonestà intellettuale indecente, che va benissimo per le Maglie e i Capezzone, ma che Calenda non dovrebbe praticare neanche per scherzo.
Caro Carlo, hai vinto (anche se resti al 3% o giù di lì. Piano con le seghe). Speriamo che ora vinca l’Italia, anche se qui sono appena più scettico di te.
Ora, se ce la fai, smetti di picconare a casaccio e negare l’evidenza. Al momento, politicamente parlando, sei un Renzi che ce l’ha fatta. Non è tanto, non è poco: è qualcosa. A diventare però un altro Berluschino venuto male, come appunto il tuo ex premierino preferito, ci vuol poco.
Stammi bene.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21423 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.