Roma: un supermercato prenderà il posto del Teatro dell’Angelo?

teatro dell'angelo



Lo storico Teatro dell’Angelo di Via Simone de Saint Bon è da tempo oggetto di lavori per la sua trasformazione in supermercato, ma si scopre che il progetto presentato al Comune di Roma ha ricevuto la bocciatura da parte della Sovrintendenza capitolina ai beni culturali.
Lo denuncia oggi il Codacons, che segnala come i lavori, nonostante il parere negativo della Sovrintendenza, proseguano senza sosta, bloccando parte di Via Simone de Saint Bon e arrecando enormi disagi ai residenti.
La Sovrintendenza ai beni culturali, relativamente agli interventi di rilevanza esterna ai locali dell’ormai ex Teatro dell’Angelo, ha espresso parere NEGATIVO, con una nota in sui si afferma che “Attualmente il vano di cui è prevista la modifica fa parte di una sequenza ritmata di aperture che caratterizzano il piano terra dell’immobile.

SOVRINTENDENZA BOCCIA IL PROGETTO MA I LAVORI VANNO AVANTI E LA RAGGI NON SI MUOVE. COME MAI?

L’allargamento del vano, al fine della creazione dell’accesso all’autorimessa, interromperebbe in modo incongruo la regolarità della successione delle stesse. Tale circostanza implica che non essendo attuabile senza la modifica in prospetto, risulti di conseguenza non accoglibile la variazione di uso proposta” – spiega il Codacons – A seguito di tale pronuncia il Municipio I, con provvedimento del 5 ottobre 2020, ha comunicato l’avvio del procedimento di declaratoria di nullità ed inefficacia della SCIA con sospensione dell’efficacia del titolo sino alla emanazione del provvedimento definitivo.
Nonostante il progetto di trasformazione del Teatro sia stato dichiarato illegittimo dalla Sovrintendenza, i lavori proseguono, e il Comune non interviene per ottenere la sospensione delle opere in corso.
Per tale motivo il Codacons ha inviato una formale diffida a Polizia Municipale, Municipio, Comune e Sovrintendenza, chiedendo di ad adottare tutti gli opportuni provvedimenti al fine di assicurare la sospensione dei lavori, se avviati illegittimamente, anche procedendo al sequestro dell’area cantiere e alla liberazione della porzione di suolo pubblico occupato. E se i Vigili Urbani non provvederanno a sequestrare il cantiere, scatterà una denuncia per omissioni di atti d’ufficio – conclude l’associazione.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.