PaP, Bologna: “La dignità del lavoro la fanno la sicurezza e la retribuzione”

rider



Architetti, piloti e notai che di fronte alla crisi diventano rider e guadagnano migliaia di euro al mese… Poi c’è la realtà.
Nelle ultime settimane sui principali quotidiani italiani c’è una campagna martellante di storie edificanti col copione sempre uguale: “Ero un professionista, la crisi ha colpito ma mi sono rimesso in gioco e adesso guadagno anche di più facendo il rider”. Sarebbe comico, se la realtà non fosse quella di un lavoro pericoloso, a cottimo, senza garanzie né economiche né di sicurezza.

Subdola retorica

La campagna che i giornali non si vergognano di rilanciare serve a coprire le notizie come la morte di Romulo Sta Ana e di Adriano Urso. Serve a coprire la realtà di un lavoro di merda utilizzando una subdola retorica sulla “dignità di ogni lavoro”.
La dignità del lavoro la fanno la sicurezza e la retribuzione. Bisogna superare la farsa dei “lavoratori autonomi eterodiretti”, i rider vanno riconosciuti come dipendenti delle piattaforme, con un contratto, una paga oraria e norme di sicurezza specifiche.
(Potere al Popolo Bologna e provincia).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22585 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.