Coldiretti, a Natale crolla la spesa alimentare

saldi



Crolla il fatturato alimentare in Italia che fa segnare un calo del 4,1% a novembre rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, per effetto della minor domanda per le tavole del Natale e Capodanno a causa del lockdown di ristoranti e agriturismi che hanno subito una perdita di circa 750 milioni solo per la cancellazione dei tradizionali pranzi e cenoni. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat sul fatturato Industriale a novembre, dalla quale si evidenziano gli effetti del calo della domanda interna.

Calo spesa casalinga

A pesare è stato, infatti, anche il calo della spesa casalinga durante le feste gli appuntamenti a tavola lungo la Penisola che si sono svolti nel segno della sobrietà e del risparmio per – sottolinea la Coldiretti – le limitazioni negli spostamenti e alla presenza di ospiti.

Durante le feste dalle tavole delle case degli italiani – conclude la Coldiretti – sono spariti comunque 67 milioni di chili tra pandori e panettoni, 63 milioni di bottiglie di spumante, 20mila tonnellate di pasta, 6 milioni di chili tra cotechini e zamponi e frutta secca, pane, carne, salumi, formaggi e dolci per un valore complessivo pari a 3,5 miliardi, solamente tra il pranzo di Natale e i cenoni della Vigilia e di Capodanno.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22301 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.