Ad Aprilia e Lanuvio le commemorazioni del 77esimo anniversario dello Sbarco Alleato

aprilia



Si sono svolte nella mattinata di giovedì 21 gennaio ad Aprilia e Lanuvio le commemorazioni del 77esimo anniversario dello Sbarco Alleato sul litorale di Anzio e Nettuno.

Le cerimonie inserite da qualche anno nel circuito celebrativo dello Sbarco si sono svolte in modalità ridotte nel rispetto delle disposizioni anti- Covid.

Prima tappa a Campo di Carne con la deposizione della corona d’alloro della Città di Aprilia e degli omaggi floreali presso il monumento “Graffio della Vita” e la benedizione impartita del Parroco di Campo di Carne.

A seguire il momento commemorativo presso il Memoriale in località Pontoni. Dopo gli omaggi istituzionali il consueto omaggio floreale dell’associazione “Un ricordo per la pace” e di Harry Shindler, promotori dell’iniziativa ad Aprilia dei Memoriali ai Caduti senza sepoltura dello Sbarco.

A  deporre il mazzo di fiori Edoardo Tittarelli presidente dell’Associazione Bersaglieri “A.Cotterli” di Aprilia, una delle associazioni più attive nel territorio anche nell’emergenza Covid 19.

Piccolo gesto

“Nei prossimi anni – ha precisato la presidente di “Un ricordo per la pace” Elisa Bonacini, presente alla manifestazione – in questo piccolo gesto dall’alto valore simbolico desideriamo si alternino anche altre associazioni con cui condividiamo valori ed ideali; auspichiamo il coinvolgimento anche dei ragazzi di Aprilia cui passa necessariamente il testimonial di memoria. Tristi davvero, causa restrizioni della pandemia, le cerimonie di quest’anno nell’assenza delle scolaresche”.

Realizzato ed inaugurato dal Comune di Aprilia il 17 febbraio 2014 su proposta di Harry Shindler e di “Un ricordo per la pace” il Memoriale in via Pontoni è dedicato al Sottotenente dei Fucilieri Britannici Eric Fletcher Waters, padre di Roger Waters, ex bassista dei Pink Floyd, mitico gruppo rock britannico.  Eric morì il 18 febbraio 1944 ad Aprilia nel corso dei cruenti combattimenti avvenuti intorno al fosso della Moletta, il corpo disperso. Nel 2013 grazie al ritrovamento delle mappe militari britanniche fu possibile individuare il punto preciso ove perse la vita e nei pressi, fronte strada, un anno dopo, venne realizzato dal Comune di Aprilia il Memoriale dedicato. All’inaugurazione del piccolo monumento partecipò eccezionalmente il figlio Roger, un evento che ebbe eco mondiale.

Alle cerimonie del 77esimo dello Sbarco hanno partecipato il Sindaco di Aprilia Antonio Terra, il Sindaco di Lanuvio Luigi Galieti; in rappresentanza della Città di Anzio l’Assessore Gianluca Mazzi. Tra i Gonfaloni delle Città anche quello del Comune di Nettuno.

Presenti autorità civili e militari del territorio, rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, di volontariato e Protezione Civile. Le celebrazioni si sono concluse a Lanuvio presso il monumento ai Caduti in piazza Berlinguer, ove è stata deposta la corona di alloro del Comune di Lanuvio.

 

 IL MESSAGGIO DI HARRY SHINDLER

 

Il veterano britannico Harry Shindler, classe 1921, rappresentante in Italia della “ITALY STAR ASSOCIATION 1943-1945” e promotore nel 2013 con l’Associazione “Un ricordo per la pace” dell’iniziativa dei memoriali ai Caduti senza sepoltura dello Sbarco ha inviato dalla sua residenza  di Porto d’Ascoli (AP) un messaggio di saluto ringraziando per le cerimonie in ricordo dei Caduti.

“Oggi è una giornata importante per Aprilia, Lanuvio e per l’Italia. 77 anni fa siamo sbarcati in questa terra per riportare libertà e democrazia rubate al popolo. E la libertà è tornata.

Oggigiorno si sente dire talvolta che non c’è differenza tra noi e chi è andato a combattere dall’altra parte. Dobbiamo invece insegnare ai giovani che in questa guerra non eravamo tutti uguali e dobbiamo farlo capire perché questa è la vera storia.

Ringrazio il Comune di Aprilia e il Comune di Lanuvio e tutti coloro che hanno partecipato alle cerimonie commemorative; esse rappresentano una lezione affinché non si dimentichi il sacrificio di chi ha combattuto e perso la vita per la libertà.”

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22273 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.