Milano punta su attività di vicinato, imprese sociali e start up per lo sviluppo post Covid-19

milano



Nell’anno della pandemia, Milano rafforza con oltre 10 milioni di euro il sostegno alla nascita e allo sviluppo di attività di vicinato, imprese sociali e start up, realtà fondamentali per la crescita e l’evoluzione economica, sociale e inclusiva dei quartieri più esterni della città. Negli ultimi otto anni ammontano a oltre 45 milioni di euro i fondi messi a disposizione dall’Amministrazione che hanno permesso la nascita e lo sviluppo di 1.392 imprese, oltre al sostegno di attività in difficoltà come nel caso dei negozi che hanno subito un impatto dai cantieri.

Questi alcuni dei dati presentati questa mattina dall’assessora alle Politiche per il lavoro, Attività produttive e Commercio, Cristina Tajani, nel corso della conferenza stampa on line in cui sono stati illustrati i principali interventi a sostegno delle imprese durante l’emergenza Covid-19.

Sostegno alle realtà esistenti

“Nel corso del 2020 – ha spiegato l’assessora Tajani – la strategia dell’Amministrazione per il sostegno all’impresa ha puntato sul sostegno alle realtà esistenti, in particolare le imprese di prossimità e vicinato, con una forte attenzione a quelle ad impatto sociale nei quartieri. I prossimi mesi saranno ancora caratterizzati da una grande sofferenza economica e sociale e dobbiamo orientare tutte le risorse disponibili, comprese quelle che arriveranno dall’Unione europea, per accompagnare il tessuto economico e sociale cittadino verso una ripartenza che metta al centro le persone, i loro bisogni, i quartieri e la sostenibilità ambientale e sociale. Per far questo, metteremo presto a disposizione nuovi bandi in favore dell’occupazione e stiamo elaborando un programma ampio di economia civile a sostegno dei quartieri e del loro tessuto economico”.

L’Amministrazione in questi anni, attraverso i suoi provvedimenti, ha messo a disposizione oltre 45 milioni di euro: nello specifico 37,6 milioni per bandi e contributi destinati alla nascita di nuove imprese o a sostegno di imprese in difficoltà; 7,2 milioni per gli incubatori e acceleratori d’impresa presenti sul territorio – Polihub (ICT, Web, High tech), Base (start up creative), FabriQ (Innovazione sociale) e Milano Luiss hub for Makers&student; 1,1 milione per lo sviluppo di servizi di rete come i 65 coworking, 3 spazi per spin off e 12 Fablab.

Le 1.392 nuove imprese sostenute dal Comune hanno permesso la creazione di oltre 11mila posti di lavoro, capaci di generare complessivamente un fatturato di oltre 1,4 miliardi di euro, con una media di circa 300mila euro per impresa.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21414 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.