2021: l’anno che verrà

2021



Grazie a Dio il 2020 è oramai alle spalle, anche se quanto accaduto durante i suoi mesi avrà ripercussioni ancora per molto in futuro.

Il Coronavirus, la pandemia, il lockdown, il distanziamento, l’indice di contagio, i morti giornalieri, gli asintomatici, le mascherine, il tampone, la didattica a distanza, i ristori, la cassa integrazione, la disoccupazione, la disperazione, le terapie intensive, il vaccino, sono diventati i vocaboli protagonisti dei nostri discorsi e del nostro agire quotidiano.

Un cambiamento che ha segnato e segnerà una generazione per sempre

Una catastrofe che ci ha tolto molti affetti e molti cari e che ha portato il dolore in molte case.

Qualcuno, specie tra quelli che si definiscono industriali e/o imprenditori (in realtà sono solo degli avidi avvoltoi/prenditori, che senza la mammella dei sussidi dello stato sarebbero solo immersi nei loro sporchi vizi) ha sostenuto che se qualcuno morirà, pazienza, perché non si può bloccare l’economia.

Un pensiero frutto di una visione che vede l’uomo al servizio dell’economia e la sua dignità trattata come mera merce; tra gli uomini e le cose non ci sono differenze.

Che dire, poi, delle politiche del presidente di quell’associazione che sulla carta dovrebbe promuovere il progresso industriale ma che nei fatti favorisce la delocalizzazione e fa pagare le tasse all’estero? Politiche che hanno inciso pesantemente nella diffusione del contagio e che hanno sulla coscienza molti morti.

Le parti deboli della società (gli anziani, i precari ed i dipendenti a nero) hanno pagato il conto più salato sia in termini di morti sia in termini di disperazione sociale.

Pensate che come avvocato ho difeso una ragazza che nella qualità di barista, è stata sfruttata 10 ore al giorno, sette giorni su sette, per la modica cifra di 80 euro settimanali.

Altra categoria lasciata a se stessa e che paga un conto salato è quella dei lavoratori autonomi; al di là di qualche misero ristoro non hanno ricevuto nulla se non tasse da continuare a pagare, nonostante le chiusure di fatto. Dico “di fatto” perché la finta apertura serve solo ad evitare che lo stato paghi chi di fatto subisce l’ipocrisia di chi ancora non ha capito che la situazione è gravissima.

Nei primi mesi della pandemia, l’azione del governo mi era piaciuta perché di fronte ad un qualcosa di nuovo ha saputo gestire le difficolta senza commettere troppi errori.

Una volta, però, che il nuovo ha iniziato ad essere conosciuto e, quindi, è stato possibile fare delle previsioni, il governo ha toppato alla grande,

Errori come i banchi con le rotelle o come la mancanza ancora oggi di un serio e rapido piano dei vaccini (nella migliore delle ipotesi io che voglio vaccinarmi dovrò attendere l’ottobre del 2021), sono la punta di un iceberg fatto di improvvisazione, scollamento politico e incapacità gestionale.

I premiati

Il premio di errore-orrore 2020 del quadro politico va a Matteo Renzi esempio, a mio parere, di cosa non dovrebbe essere la politica. Un narciso capace solo di servire il suo ego a suon di chiacchiere e promesse. Si scopre, oggi, tutore della sanità. Dimentica, però, che durante il suo triennio governativo ben 16,6 miliardi di euro sono stati tolti alla sanità pubblica. Per fortuna ha meno voti che rappresentanti istituzionali.

Il premio orrore 2020, invece, va ex aequo, al duo Meloni-Salvini. Se in Italia l’opposizione è rappresentata da questi due menti, beh, spero che non abbiano mai modo di entrare nella stanza dei bottoni. Urlano d’essere cristiani ma nella pratica non conoscono la parola accoglienza e fratellanza. Sono così caritevoli che strappano le coperte ai clochard. Amano così tanto l’Italia che in Europa sono alleati con chi è contro i nostri interessi. Sono così comprensivi che vogliono abolire il Reddito di Cittadinanza.

Fermo restando che per me ognuno di noi dovrebbe avere un lavoro dignitoso e che il RdC deve essere corretto in alcuni suoi aspetti, ma è pur vero che se non lo avessimo avuto in questi mesi di pandemia, in Italia sarebbero scoppiate rivolte il cui esito sarebbe stato tutt’altro che scontato.

In attesa di creare maggiore occupazione, uno stato civile e moderno ha il dovere di tutelare chi un lavoro lo ha perso. Invece il duo “Don Matteo-GGiorggia” non perde occasione per mortificare chi davvero ha bisogno e non ha altre fonti di reddito se non il sussidio di Stato. Una curiosità: quando erano al governo, quanti posti di lavoro hanno creato? Come intendono, poi, tutelare chi il lavoro non lo ha? Il RdC non è una misura per creare lavoro bensì una misura di civiltà di lotta alla povertà.

Un inciso

Davvero ancora oggi Silvio Berlusconi pontifica e c’è chi vota Forza Italia? Che dire, il 2020 è stato proprio un anno di m…..

Il premio di “fifone politico” va a quel personaggetto che uscito dal suo bunker, dopo aver pontificato le meraviglie della efficienza della sua gestione sanitaria in tema di prevenzione e assistenza al Covid-19, ha sottratto una dose di vaccino ad un anziano o ad un medico pur di mettersi al sicuro. Certo, ha dato l’esempio: quindi da oggi nella sua regione chi si vuol vaccinare può farlo subito, giusto? Fessi quelli che lo hanno votato credendo alle sue chiacchiere senza contraddittorio e accontentandosi di un misero bonifico sul conto corrente.

Il premio di “miglior imitazione di clown” va a quel tale che nel mostrare come si indossa una mascherina ha rischiato di morire soffocato…Un tale la cui incapacità amministrativa ha permesso il diffondersi del Coronavirus nelle residenze per anziani.

Il premio, infine, di “chiacchierone presuntuoso” lo vince quel tizio che tra un’offesa e l’altra al meridione (una palla al piede che affossa il raiting della sua regione, un meridione fatto di fannulloni e di cialtroni che mangiano tutto quello che il nord produce, insomma un problema irrisolvibile), registra il record negativo di morti da Covid-19 ogni 100.000 abitanti.

Cari politici di destra, di centro, di sinistra, di terra, di mare e dell’aria, se non vi svegliate a breve ci penseranno a farlo milioni di italiani e il vostro non sarà affatto un dolce risveglio.

Viviamo, insomma, tempi difficili che smascherano tutte le nostre ipocrisie.

Il 2020 ci ha privato della gioia di un abbraccio e ci ha spinto a comunicare a suon di videochat; che tristezza!

La normalità è diventata una chimera

Il 2020, però, ci ha offerto la possibilità di comprendere quali sono i veri valori della vita.

Come dice il mio vecchio amico e maestro Paolo, dobbiamo ritornare a concentrarci sui valori interiori per riscoprire il piacere di un caloroso abbraccio e di una socialità sfilacciata. Occorre un nuovo umanesimo sociale che valorizzi l’inclusione e che abbatti le differenze.

L’augurio che vi faccio, insieme alla salute e alla serenità, è che in questo periodo di tenebre possiamo diventare tante torce che illuminano il nostro e l’altrui cammino.

Perché chi non si mette al servizio del mondo come luce, si mette automaticamente al servizio delle tenebre.

A noi la scelta, a voi auguri!

 

“Pensiamo a quante volte la notte circonda la nostra vita. Ebbene, anche in questi momenti, Dio non ci lascia soli […] si è fatto uomo. La sua vicinanza porta luce dove c’è il buio e rischiara quanti attraversano le tenebre della sofferenza”

Papa Francesco

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20541 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.