Siciliano: “È una questione non solo di credibilità ma di dignità”

credibilità



Nel 2016, veniva torturato e ucciso con la complicità del governo egiziano di Al-Sisi, il giovane ricercatore italiano Giulio Regeni.
La memoria di questo ragazzo muore quasi ogni giorno sotto i colpi dell’impunità, di chipoche ore fa ha definito “illogica” e basata su “fatti e prove errati” la giustizia italiana.

Stortura egiziana

La procura egiziana si diverte ad attaccare la procura di Roma, continuando come ha fatto nel corso di tutti questi mesi, a inscenare le più improbabili storture per nascondere l’omicidio di Stato. Ogni volta che questa vicenda va avanti, penso alle parole della mamma di Giulio, che riconobbe il figlio “dalla punta del naso” e disse di aver visto nel volto martoriato del figlio “tutto il male del mondo”.
Giulio è stato torturato, nella pelle del suo corpo erano state incise, con oggetti affilati, alcune lettere dell’alfabeto, e tale pratica di tortura è stata ampiamente documentata come tratto distintivo della polizia egiziana.
Questi sono i fatti che non potranno essere cancellati, nemmeno da chi vorrebbe che questa vicenda fosse dimenticata, nascondendosi dietro il silenzio.

Nessuna vergogna

Non hanno nemmeno vergogna di dire che Regeni sia morto per creare danno a loro. Non bastano più le dichiarazioni d’indignazione da consegnare alla stampa e da dare in pasto all’opinione pubblica.
Se l’Italia vuole farsi rispettare veramente deve smettere da subito di vendere le armi all’Egitto. È una questione non solo di credibilità ma di dignità.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20541 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.