Università Federico II ha studiato gli effetti della mascherina sulla pelle

Effetti mascherine



Le mascherine ormai sono entrate a far parte della nostra quotidianità; se all’inizio dovevano essere utilizzate solo nei supermercati e nei luoghi di lavoro, ormai sono diventate obbligatorie anche all’aperto. Quando le togliamo ci sembra di respirare di nuovo e corriamo a lavarci il viso, lamentandocene ogni volta.

Quali sono gli effetti sulla pelle

Finora sono stati studiati i potenziali effetti delle mascherine sull’ambiente, ma ancora non era stato analizzato se ci fossero delle conseguenze anche su chi le indossa. L’Università Federico II ha studiato la validazione delle mascherine chirurgiche e ha pubblicato i risultati della sua ricerca sul Giornale Italiano di Medicina del Lavoro ed Igiene Industriale.

“Validazione di maschere chirurgiche nella fase di emergenza COVID19: l’esperienza dell’Università degli Studi di Napoli Federico II” è questo il titolo della ricerca condotta da un team di ricercatori dell’università, coordinati dai professori Andrea D’Anna e Ivo Iavicoli: Fabiana Quaglia, Andrea D’Anna, Francesco Di Natale, Roberta Colicchio, Gianluigi De Falco, Ernesto Di Maio, Daniele Tammaro, Francesca Ungaro, Chiara Cassiano, Ivo Iavicoli, Paola Salvatore, Elena Scaglione, Chiara Pagliuca e Luca Fontana.

Le mascherine prese in esame nella ricerca sono state le FFP2, che consentono di proteggere maggiormente la persona (sia chi la indossa che i soggetti circostanti, non avendo la valvola di sfogo). Attraverso un’analisi preliminare sono stati individuati dei criteri di pre screening che hanno permesso di valutare la pelle prima di aver indossato la mascherina, subito dopo e nelle ore successive. Ma hanno anche introdotto dei criteri scientificamente validi per valutare l’effettiva efficacia delle mascherine.

I risultati hanno dimostrato che le mascherine non hanno effetti negativi sulla pelle, per la precisione non con ripercussioni a lungo termine e che non possano essere evitati con una pausa. L’iniziale effetto umido dato dall’uso, va a scemare completamente nelle ore successive. Se la mascherina è quindi scientificamente riconosciuta come innocua per la pelle, così non è per la propria immagine.

Quali sono gli effetti sociologici

L’utilizzo impedisce di poter avere un’esperienza di relazione totale con l’altra persona e anche di poter mostrarsi nella forma migliore. Come fare per ovviare a tutto ciò pur utilizzando le obbligatorie mascherine: curando il make up della parte superiore del viso. Un trucco di qualità che resti sul viso nonostante il trascorrere del tempo e non abbia un effetto sciatto e soprattutto l’uso di prodotti che valorizzino gli occhi, che è l’unica parte scoperta.

Sul piano psicologico e relazionale l’espressività del viso e dello sguardo sono ritenuti fondamentali per creare l’empatia con altre persone, per cui la loro copertura, anche se parziale, è causa di deficit relazionale. Un mascara per dare volume e lunghezza  proprie ciglia permette di rendere lo sguardo più significativo, ma un siero per le ciglia è perfetto per nutrire, allungare e renderle più voluminosa a lungo termine a vantaggio di un’immagine più profonda e in grado di restituire un’immagine di sé più incisiva.

Perché anche se le mascherine non hanno effetti negativi sulla pelle e si possono utilizzare tranquillamente, l’occhio ha bisogno della sua parte, per motivi estetici ma anche relazionali. Come diceva Oscar Wilde: “Solo le persone superficiali non giudicano in base all’apparenza”.

Foto: jc_cards / Pixabay

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 13770 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.