Voli cancellati: l’Antitrust apre istruttoria su 4 compagnie aeree



L’Antitrust ha accolto gli esposti presentati negli ultimi mesi dal Codacons contro le scorrettezze delle compagnie aeree che, sfruttando l’emergenza Covid, hanno cancellato i voli senza riconoscere i dovuti rimborsi agli utenti.

CODACONS: ACCOLTE NOSTRE DENUNCE CONTRO SCORRETTEZZE DEI VETTORI AEREI

“Il Codacons è stata la prima associazione a denunciare in Italia i biglietti “fantasma” venduti dalle compagnie aeree che poi cancellavano i voli con la scusa del Covid, per non restituire i soldi agli utenti – afferma il presidente Carlo Rienzi – Grazie ai nostri esposti l’Antitrust si è attivata, e numerose compagnie aeree sono finite ora sotto indagine. Le responsabilità sono tuttavia da attribuire anche al Governo Italiano che, prevedendo il voucher come unica forma di rimborso per i viaggi cancellati, ha permesso il determinarsi di situazioni di illegalità a danno degli utenti”.

SE ACCERTATI ILLECITI PRONTI AD AZIONI RISARCITORIE CONTRO COMPAGNIE

Se, come da noi denunciato, l’Antitrust accerterà che i voli sono stati cancellati per cause non riconducibili al Covid, le compagnie aeree non solo dovranno rimborsare in denaro i propri clienti, ma saranno sommerse da una valanga di cause risarcitorie da parte del Codacons per la pratica commerciale scorretta messa in atto.
L’associazione ricorda infine che sul sito www.codacons.it è pubblicato il modulo con cui gli utenti possono diffidare le compagnie aeree a rimborsare in denaro i voli cancellati dopo il 3 giugno.

 

Codacons CS

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.