Scuola: tra gli obiettivi primari quello di mettere fine alle classi pollaio

classi pollaio



Il problema delle “classi pollaio” è frutto di anni e anni di immobilismo da parte dello Stato che, nonostante le sentenze dei tribunali, non si è mai davvero attivato per mettere in sicurezza le strutture scolastiche. Lo afferma il Codacons, commentando le dichiarazioni odierne della ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, che ha annunciato interventi per migliorare il rapporto numerico docenti/studenti per classe e diminuire il sovraffollamento.

CODACONS: NELLE SCUOLE ITALIANE SPAZIO INSUFFICIENTE PER 1,2 MILIONI DI STUDENTI

Oggi, a causa dell’inadeguatezza degli edifici scolastici italiani e del sovraffollamento delle aule, ben 1,2 milioni di studenti non trovano adeguato spazio negli istituti, con ripercussioni gravi sul fronte della sicurezza – spiega il Codacons –In 10 anni nulla si è mosso per mettere in sicurezza le strutture, e il Piano generale di edilizia scolastica previsto dall’art. 3 del DPR 81/09 non è mai stato realizzato. Ciò nonostante il Tar del Lazio e il Consiglio di Stato, accogliendo la class action contro le “classi pollaio” promossa dal Codacons, abbiano condannato Miur e Ministero dell’economia a realizzare gli interventi di edilizia previsti dalla legge.

NONOSTANTE CLASS ACTION VINTA SIA AL TAR CHE AL CONSIGLIO DI STATO, NULLA E’ STATO FATTO PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLE SCUOLE

“L’emergenza sanitaria Covid amplifica un problema che è presente da anni nelle nostre scuole, e mette seriamente a rischio la salute di studenti e personale scolastico, perché la mancanza di spazio nelle aule potrebbe trasformare le classi in pericolosi focolai di coronavirus – conclude il presidente Carlo Rienzi.

Codacons CS

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.